Categorie: News

Palermo sposa la “primavera arcobaleno”: i figli delle coppie same sex avranno riconosciuti entrambi i genitori

Torino, Milano, Bologna, Gabicce Mare, Catania, Fiumicino e ora anche Palermo. Il sindaco del capoluogo siciliano, Leoluca Orlando, ha infatti disposto un atto di indirizzo per gli uffici dell’Anagrafe. Un atto “affinché si proceda alla trascrizione degli atti di nascita o alla modifica degli atti già trascritti per i bambini con genitori dello stesso sesso”. E’ quanto si legge in una nota diffusa da Palazzo delle Aquile. Una decisione presa “accogliendo la richiesta formulata dall’associazione delle Famiglie Arcobaleno”.
Anche a Palermo, dunque, i bambini nati in coppie dello stesso sesso vedranno riconosciuti entrambi i loro genitori.

“In linea con la politica di questa amministrazione”

“In linea con quanto sancito in diverse occasioni dagli organi giudiziari – ha commentato Orlando – ed ancor di più in linea con la politica di questa amministrazione che riconosce i diritti di tutti e di tutte, siamo convinti che questo provvedimento non sia altro che una certificazione giuridica di uno stato di fatto”.
La vicenda nasce dalla richiesta diretta di Daniela, una mamma arcobaleno. Daniela aveva scritto al sindaco “perché la sua istanza diventi l’istanza di tutti nella giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e transfobia”, spiegano Famiglie Arcobaleno e Arcigay Palermo.

I diritti dei bambini

Le due associazioni avevano chiesto al sindaco di accogliere l’istanza di Daniela per “andare incontro ai diritti sì dei genitori non biologici, ma soprattutto dei bambini nati”. Bambini, ricordano le associazioni “che crescono all’interno di famiglie composte da genitori dello stesso sesso” e in cui va data “formalità e diritti al genitore non biologico nella vita del bambino”.

Questa sera all’evento contro l’omofobia

Oggi, il sì dell’amministrazione palermitana, ufficializzata dall’atto inviato da Orlando e dall’assessore Gaspare Nicotri.
Il provvedimento sarà presentato dall’assessore Giuseppe Mattina che, in rappresentanza della Giunta comunale, questa sera, parteciperà alla manifestazione in occasione della giornata mondiale contro l’omofobia.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020

Invece di impedire la Gpa, le nostre parlamentari si impegnino per migliorare la scuola pubblica

Fondi per la scuola pubblica non ce ne sono, ma la politica pensa a criminalizzare…

10 ottobre 2020

Proud Boys, l’amore tra gay sconfigge l’odio dell’estrema destra americana

Un caso di hijacked, o dirottamento semantico, che spunta le armi all'estrema destra razzista e…

6 ottobre 2020

Belgio, Petra De Sutter: la prima donna transgender nominata vicepremier in Europa

Per la prima volta nella storia, una donna transgender diventa vicepremier in un paese europeo.

4 ottobre 2020