Categorie: News

Idahobit 2018: in un anno 119 casi di omotransfobia raccontati

Centodiciannove casi in trecentosessantacinque giorni. Il numero di episodi legati all’omo lesbo bi transfobia che emerge dal report annuale di Arcigay, seppure in calo rispetto allo scorso anno, resta allarmante. Il dibattito sulle unioni civili dello scorso anno aveva portato infatti a una radicalizzazione del dibattito ed aveva acceso una visibilità mediatica sul fenomeno fino a quel momento inedita.

Il report

Se il report ha un valore qualitativo e non quantitativo, occorre sottolineare che su 119 casi 4 sono stati di omicidio. Sono stati tre quelli di ragazzi molto giovani e tutti e tre riconducibili a un movente omofobico: «questi fatti cruenti sono l’apice di un bollettino quotidiano che descrive un’oppressione martellante», fa sapere il presidente di Arcigay Gabriele Piazzoni.

Un fenomeno, quello dell’omo lesbo bi transfobia, che viaggia su binari paralleli tra web e vita reale: dagli haters dei social alle relazioni familiari e di vicinato, nei luoghi che le persone frequentano o dai quali, invece, vengono escluse. Singoli e coppie insultati e picchiati per strada, manifesti, striscioni, cartelli, scritte sui muri. E ancora pizzerie, discoteche, lidi balneari, ambulatori medici e scuole che diventano veri e propri campi minati. Ma soprattutto un’agghiacciante successione di figlie e figli allontanati da casa.

Un giro nelle scarpe degli altri

Arcigay invita a leggere il report con «intelligenza empatica», cioè con la «disponibilità a farsi un giro nelle scarpe degli altri e porsi le domande: che esperienza è attraversare luoghi e relazioni in cui viene reiterato un messaggio di disprezzo e marginalizzazione? Cosa resta alle persone che si sentono destinatarie di questi messaggi?».

La richiesta di una legge contro l’omo lesbo bi transfobia, fino ad oggi mai ottenuta, è pensata proprio per riconoscere  una aggravante ai violenti che colpiscono con questo movente.

Un fenomeno complesso

Esistono componenti sociali e culturali che rendono necessaria una presa di responsabilità collettiva: «solo così si può produrre – negli anni, e ne serviranno tanti -un reale cambiamento. Chi non vive sulla propria pelle questi fenomeni tende e a disinteressarsene, e questo disinteresse è parte del problema».

«Non stiamo parlando di privilegi da riconoscere a una “lobby”», dice Piazzoni, «non siamo imprenditori a caccia della nostra flat tax. Si parla di condizioni minime di serenità e benessere che rendono possibile a una persona un legittimo desiderio di felicità».

Allarme suicidi

Un tema delicatissimo e che non può essere censito attraverso questi monitoraggi, «se non compiendo forzature che non fanno parte del nostro modo di affrontare i problemi». Ma ci sono, in Italia e nel mondo, e le ricerche scientifiche pubblicate hanno sottolineato un’allarmante frequenza di suicidi nella comunità Lgbt+.

Soprattutto in famiglia

La frequenza degli episodi di omo lesbo bi transfobia diventa ancora più allarmante all’interno dei contesti familiari. Figli e figlie cacciati di casa, picchiati, sfregiati con l’acido e puniti a ogni costo: «ognuno di quegli eventi è un fallimento di una società», dice Piazzoni, «Vicende di pura follia e tutti e tutte dovremmo indignarci, reagire, denunciare. Invece, l’inferno che in quelle famiglie si scatena è direttamente collegato a una propaganda politica omotrasfobica che sembra puntare direttamente a questi esiti».

Piazzoni chiosa: «Sappiano allora questi predicatori che stanno giocando con la vita delle persone, che i nome dei loro capricci ideologici stanno compromettendo il futuro di tanti giovani».

Oggi, 17 maggio

«Come ogni anno si spenderanno tante parole sull’omotransfobia», dice Arcigay, «Che sono utili, ma che si dimostrano assolutamente inefficaci. Servono fatti, ma perché arrivino i fatti serve innanzitutto la consapevolezza: questo bollettino di storie merita di essere attraversato, di essere vissuto sulla propria pelle. Questo è l’auspicio con cui lo rendiamo pubblico».

Se è omofoba, non è famiglia

Negli scorsi giorni Arcigay ha lanciato una campagna, realizzata in collaborazione con l’agenzia Pavlov, della quale abbiamo parlato su questo sito proprio ieri.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020