Categorie: News

Butterflies in Berlin, la storia di Alex tra omocausto e transessualità

Persecuzioni naziste e transessualità: è questo il tema principe del cortometraggio Butterflies in Berlin – Diario di un’anima divisa in due, per la regia di Monica Manganelli. L’opera – finanziata dall’Emilia Romagna Film Commission e dal Ministero tedesco della Cultura e Cinema – si ispira a personaggi esistiti davvero e a fatti realmente accaduti a Berlino, durante gli anni delle persecuzioni naziste. Le vicende a tematica omosessuale durante l’ascesa di Hitler sono state spesso trascurate dalla cinematografia contemporanea. Con questo filmato, invece, si pone per la prima volta l’accento sull’omocausto, legato alle questioni relative all’identità di genere.

Un corto costruito su storie vere

Reale è il personaggio principale, Alex-Alexandra, che si ispira ad un paziente del dottor Hirschfeld, il primo ad essere operato. Così come veri sono, poi, anche gli altri fatti successivi sono fatti ispirati a vicende vere. Come ad esempio il caso dell’ospedale ebraico che collaborava con la Gestapo, per fare un altro esempio. «Ho scelto l’animazione» racconta a Gaypost.it la regista «per raccontare la storia perchè innanzitutto mi permette di trattare un tema drammatico in maniera visionaria ed onirica».

L’attenzione per le fasce più giovani

Ma non solo: «Grazie all’animazione si può avvicinare anche un pubblico più giovane al tema e mostrarglielo». Arrivare alle fasce più giovani è prioritario nelle intenzioni dell’autrice, che si mostra sensibile rispetto ai profondi cambiamenti che attraversano la contemporaneità, a cominciare dell’avanzata delle destre xenofobe: «Finito il film» continua Manganelli «oltre alla distribuzione nei festival e tramite broadcast tv, vorrei proporre un progetto didattico con eventi e proiezioni dal tema “Raccontare la diversità attraverso l’animazione, cinema, arte”».

Verso la tragedia dell’omocausto

Alex, leggiamo ancora nella presentazione del cortometraggio, desidera «trovare il suo posto nel mondo, e mentre cerca di capire chi egli sia – e soprattutto chi voglia diventare – Berlino conferma la propria natura di città mutevole». Ma gli eventi irrompono, con il loro portato di tragedia: a al «libertinaggio della Repubblica di Weimar si sostituisce il periodo di repressione più noto della storia». Un racconto universale sull’autenticità e sull’auto-accettazione, che ci fa capire come «l’identità di genere sia unica e complessa per ogni singolo individuo».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020