Categorie: News

Non licenziate Costantino: continuano gli appelli, online anche una petizione

Ricordate Costantino Saporito? Il vigile de fuoco, dirigente del sindacato USB, che è finito oggetto di un procedimento disciplinare per aver partecipato al Roma Pride e alla trasmissione Tagadà portando la divisa?
La sua battaglia contro il licenziamento, misura che potrebbe essere presa contro di lui, continua. Al suo fianco si è schierato anche il Partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia.

Perché gli eventi religiosi sì e il Roma Pride no?

In una nota diffusa ieri, il segretario Luca Marco Comellini ha sottolineato una contraddizione alla base del procedimento di cui è oggetto Saporito. “Se è vero che tra i diritti inviolabili dell’uomo le fondamentali libertà di espressione e di religione hanno pari dignità e meritano la stessa tutela – scrive Comellini – allora occorre domandarsi per quale ragione la partecipazione ad un evento religioso di un vigile del fuoco in uniforme sia da considerarsi del tutto normale mentre quella al Roma Pride offensiva e meritevole di essere sanzionata”.

L’appello alle autorità

Comellini spiega di avere firmato la petizione promossa da All Out insieme al Roma Pride, al Circolo Mario Mieli e all’USB proprio in sostegno del vigile del fuoco, e di rivolgere la sua domanda al “Ministro dell’Interno Marco Minniti, al Pref. Bruno Frattasi, Capo del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile e al Capo del C.N.VV.F., Ing. Gioacchino Giomi”.

La petizione di All Out e la libertà di manifestare

Intanto, la petizione sulla piattaforma All Out ha quasi raggiunto l’obiettivo delle 3.000 firme.
“Crediamo che la libertà di manifestare non si possa processare e vi chiediamo di non licenziare Costantino” si legge nel testo che accompagna la raccolta di firme.
Un principio al quale si appella anche Comellini.
“La libertà di espressione, in ogni sua forma, è sempre lecita – spiega – quando è esercitata in modo pacifico e rispettoso della legge e da quanto ho potuto apprendere direttamente dal sindacalista dell’USB e dai suoi colleghi che a quella manifestazione hanno preso parte, liberi dal servizio, così è stato”. Infine, un richiamo ai principi che regolano le attività sindacali dei lavoratori: “Per questa ragione, ma anche per altre che riguardano la libertà d’azione dei rappresentanti sindacali, ritengo opportuno che il procedimento disciplinare avviato nei confronti del Coordinatore Nazionale dell’USB, Costantino Saporito, debba essere immediatamente annullato”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020

Stonewall 50… in Poi: torna il festival Lgbt+ a Palazzolo Acreide

Torna il festival arcobaleno degli Iblei, l'11 agosto a Palazzolo Acreide in provincia di Siracusa.

31 luglio 2020

Guardami, nasce la campagna social per raccontare la comunità T

Dai moti di Stonewall a oggi ci hanno sempre mess* da parte, hanno sempre scelto…

31 luglio 2020