Categorie: News

Il ministro della Famiglia: “Le legge vieta le stepchild adoption”. Ma è falso.

La legge sulle  unioni civili non è ancora entrata in vigore e il partito di Alfano è già passato al controattacco. Questa volta per bocca di Enrico Costa, ministro agli Affari Regionali con delega alla Famiglia. Intervenuto al Forum delle Associazioni Familiari, il ministro ha definito “creative” le sentenze dei giudici che hanno riconosciuto la genitorialità delle coppie gay e lesbiche, interpretando la legge attuale in funzione dell’interesse del minore e della sua tutela.

Il ministro Costa con la ministra Boschi

“Sia chiaro che non può rientrare dalla finestra quello che è uscito dalla porta – ha dichiarato Costa secondo quanto riporta Repubblica -: in tema di stepchild adoption fino a oggi la giurisprudenza ha dato delle interpretazioni colmando un vuoto normativo. Ora quel vuoto non c’è più, c’è una norma chiara che esclude la stepchild adoption, a maggior ragione alla luce dei lavori parlamentari, e quindi mi attendo di vedere chiusa una fase di interpretazione creativa”.

Peccato che nella legge approvata lo scorso 11 maggio dalla Camera non ci sia alcun divieto alla stepchild adoption, né esplicito né implicito. Il testo, infatti, si limita a dire, al comma 20 che in tema di adozioni “resta fermo quanto previsto e consentito in materia di adozione dalle norme vigenti”. Questo significa che i giudici possono continuare a emettere sentenze sulla scia di quelle già firmate, come ha ricordato al quotidiano anche la senatrice Cirinnà. Repubblica però, riporta un’imprecisione, anzi due, quando dice che “da quando è stata bocciata in Parlamento, il 25 febbraio scorso, la stepchild adoption è diventata una realtà sempre più presente nelle aule di tribunali. Con un’accelerazione a favore“.

Non solo l’adozione del figlio biologico del partner non è stata bocciata dal Parlamento, dato che è stata stralciata dal testo senza che neanche venisse discussa, ma le sentenze a favore della genitorialità delle coppie gay e lesbiche di cui le cronache hanno parlato nelle ultime settimane portano, quasi tutte, la firma dell’ex presidente del Tribunale per i minori di Roma Melita Cavallo che è andata in pensione a dicembre del 2015. Molte di queste, infatti, sono già passate in giudicato diventando definitive. Nessuna accelerazione, dunque, ma la prudenza dei genitori coinvolti che hanno preferito diffondere la notizia solo a sentenza diventata definitiva.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020