Categorie: News

Boston, giovane uomo aggredito con pala e taglierina perché gay

A Boston un uomo gay è stato brutalmente picchiato con una pala e poi sfigurato con una taglierina. È successo martedì scorso e il colpevole è già stato arrestato.

UNA AGGRESSIONE SENZA SENSO

La vittime, un venticinquenne di Boston, ha raccontato agli investigatori che stava passeggiando per strada quando il cinquantottenne Eddie Smith ha cominciato a urlargli contro frasi omofobe. A quel punto Smith avrebbe colpito il venticinquenne alla testa con una pala e successivamente avrebbe tirato fuori la taglierina e gli avrebbe procurato un grosso taglio vicino all’occhio. Quindi l’aggressore se la sarebbe data a gambe lasciando la vittima a terra, sofferente e sanguinante.

L’ARRIVO DELLA POLIZIA

Quando la polizia è arrivata la vittima stava sanguinando abbondantemente dalla ferita alla testa. La polizia di Boston, la sera stessa, ha diffuso su Facebook una dichiarazione: «Gli agenti hanno dato un primo soccorso alla vittima fino all’arrivo dei sanitari. La vittima è stata trasportata in ospedale, ma non è in pericolo di vita». Le ferite riportate hanno richiesto numerosi punti di sutura in viso e sulla testa.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020