Categorie: News

Manchester Pride, arriva il nuovo rainbow in onore alla comunità nera

Nuova bandiera rainbow per il Manchester Pride. In vista della marcia dell’orgoglio e in vista delle attività legate all’evento, che copriranno il 2019, gli organizzatori e le organizzatrici hanno deciso di cambiare il vessillo arcobaleno aggiungendo due colori: il nero e il marrone, in onore della black e della brown community, all’interno della galassia Lgbt. La nuova bandiera avrà quindi otto colori, invece dei tradizionali sei.

Le ragioni del cambiamento

Un momento del pride di Manchester, nel 2018

Così come riporta il sito Gaystar News, la bandiera espansa è funzionale ad «evidenziare membri Lgbtqia neri e marroni all’interno della comunità della città» dichiara Mark Fletcher, amministratore delegato del Manchester Pride. Misura necessaria, secondo l’organizzatore, perché «per molti anni, la comunità Lgbt+ è rimasta collettivamente sotto l’iconica bandiera arcobaleno a sei strisce». Nei quarant’anni dalla sua creazione, si fa notare ancora, la comunità si è evoluta, ha assunto nuove identità e ognuna di esse ha creato i propri simboli e le proprie insegne.

Un “gradimento” generazionale

Secondo Fletcher, ancora, il nuovo rainbow ha il dovere di «rappresentare la società moderna in cui viviamo». Come prevedibile, la novità non ha lasciato indifferenti gli esponenti e i membri della comunità. Dopo un sondaggio lanciato on line, risulta infatti che il 58% dei partecipanti non ha gradito l’aggiunta delle strisce nere e marroni. Gaystar News fa notare, tuttavia, come il cambiamento non è piaciuto maggiormente ai maschi gay bianchi intorno ai cinquant’anni, mentre è stato gradito dalle generazioni Lgbt più giovani.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020