News

Lugano, il municipio vieta la preghiera contro il pride

A quanto pare, anche quando si parla di pride tutto il mondo è paese. Anche nella vicina Svizzera, infatti, la manifestazione dell’orgoglio Lgbt viene vista come poco consona al concetto di sobrietà dalle frange più oltranziste – e per fortuna minoritarie – della società. E anche nella Confederazione si celebrano preghiere di “riparazione”. Solo che, contrariamente che da noi, qualcosa è andato diversamente.

Una preghiera contro il pride

Il simbolo di Helvetia Christiana

A Lugano, infatti, è previsto il pride dal 28 maggio al 3 giugno e l’associazione Helvetia Christiana ha pensato di organizzare una veglia di preghiera contro la manifestazione. «Spesso si vedono scene poco morali, a cui assistono anche i bambini» ha dichiarato la realtà omofoba. «È un problema di decoro pubblico oltre che una questione religiosa». Insomma, siamo alle solite. Ma il comune non ci sta.

Il no del municipio di Lugano

Il municipio di Lugano, infatti, ha deciso di vietare l’evento promosso da Helvetia Christiana perché lesivo del senso del rispetto nei confronti della comunità Lgbt. «Il Municipio di Lugano» si legge sulla stampa locale come «ha soppesato pro e contro, e Marco Borradori ha spiegato che “sulla base degli interessi in gioco, abbiamo deciso in senso negativo”. Senza per questo prendere posizione sulle idee di nessuno». Equidistanza, dunque, ma nel segno dell’attenzione all’altrui sensibilità.

Il parziale retrofront

Si sono ribellati, intanto, gli esponenti dell’associazione cattolica, che però sembra aver fatto una parziale marcia indietro: «Helvetia Christiana non ha voluto fare il rosario pubblico lo stesso giorno del GayPride», dichiarano i leader.«Helvetia Christiana non ha mai voluto pregare contro le persone omosessuali e neanche in alcun modo pregare contro le persone interessate dal GayPride», le ragioni erano altre: «pregare per i valori cristiani e la restaurazione dei suddetti valori della nostra civiltà cristiana e non contro persone».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023

La storia di Andrea, in riva al mare di Sicilia, per raccontare la realtà queer

Una storia che parla di libertà e scoperta di sé. È questa la "poetica" –…

26 Ottobre 2023

LottoxMile, la raccolta fondi per aiutare Milena Cannavacciuolo

«Siamo le amiche e la compagna di Milena. Questo è un appello d’amore per Milena.…

24 Ottobre 2023

Gianni Vattimo, addio al filosofo del “pensiero debole”

È morto ieri in tarda serata, a 87 anni, il filosofo Gianni Vattimo. Una delle…

20 Settembre 2023

Arim 2023, a parco Sempione a Milano la lotta all’HIV a suon di musica

Si terrà il 19 settembre 2023, a Milano, all'Arena Civica di Parco Sempione. Stiamo parlando…

18 Settembre 2023

Cosa significa far parte della comunità Lgbt+

In questi giorni ha fatto scalpore, su ciò che resta di Twitter, lo stato di…

16 Agosto 2023