Categorie: News

L’email di Airbnb agli utenti: “Da domani, niente più spazio per omofobi e razzisti”

Non c’è spazio per utenti razzisti, omofobi, transfobici, sessisti o che discriminano le persone disabili o in base all’età, nella community di Airbnb, la piattaforma per affittare case o stanze per le vacanze.
L’azienda ha infatti inviato una email ai tutti coloro che hanno un account sulla sua piattaforma per avvisare che da domani cambia la policy e che chiederà a tutti gli utenti di sottoscrivere un impegno di non discriminazione.
“All’inizio di quest’anno abbiamo lanciato un appello per combattere i pregiudizi e la discriminazione nella community di Airbnb – si legge nella email -. A tal proposito, invitiamo tutti ad accettare un Impegno della community a partire dal 1° novembre 2016. Dopo l’accettazione, cambierà il tuo modo di usare Airbnb, quindi volevamo darti ulteriori informazioni”.

Quello che Airbnb chiede è di trattare “qualsiasi persona, a prescindere dalla razza, la religione, l’origine nazionale, l’etnia, la disabilità, il sesso, l’identità di genere, l’orientamento sessuale o l’età, con rispetto e senza pregiudizi“.
Dall’1 novembre, dunque, la prima volta che si effetturà il login sulla piattaforma, comparirà un popup in cui si chiede di aderire all’impegno. Chi deciderà di non accettarlo, dovrà rinunciare ad usare Airbnb. “Se dovessi rifiutare l’impegno – spiega l’azienda agli utenti -, non potrai ospitare o prenotare viaggi attraverso la piattaforma Airbnb, e potrai cancellare il tuo account. Una volta cancellato, i viaggi prenotati verranno annullati. Potrai ancora fare ricerche su Airbnb, ma non potrai prenotare degli alloggi o ospitare dei viaggiatori”.

Chi non è disposto ad ospitare (o ad essere ospitato da) persone lgbt, di altre etnie o religioni, con disabilità ecc, dunque, non potrà più usare i servizi di Airbnb. L’azienda, dunque, di schiera anora una volta conto ogni forma di discriminazione, a costo di perdere utenti e, quindi, soldi.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020