Categorie: News

La polizia spara nel campus: muore studente lgbti di 21 anni

La polizia statunitense ha ucciso uno studente Lgbti, nel campus dell’Università di Atlanta, in Georgia. I fatti sono avvenuti sabato scorso, 16 settembre, ma sono stati resi noti solo ora. Scout Schultz, 21 anni, studiava ingegneria informatica, era un attivista intersessuale bisex non binario.
Secondo quanto riporta la BBC, la polizia è stata chiamata alle 23.17 di sabato sera da qualcuno che sosteneva di aver visto una persona armata di coltello e pistola aggirarsi per il campus. Le autorità hanno chiuso gli accessi alla struttura, ma secondo quanto dichiarato dal legale della famiglia, Schultz impugnava solo un coltellino multiuso.

I video della morte

Un video, girato da un altro studente del campus e ora in mano degli inquirenti, mostrano gli agenti che tentano di parlare con Schultz diverse volte. Si sentono i poliziotti esclamare: “Andiamo, ragazzo, lascia andare il coltello” e anche “Nessuno vuole farti del male”.
Schultz, però, non ha risposto agli inviti degli agenti ed ha urlato “Sparatemi” camminando verso gli agenti.
Uno di loro ha dunque sparato raggiungendo Schultz al cuore: lo studente è morto 30 minuti dopo, al Grady Memorial Hospital.

“Perché non hanno usato un metodo non letale?”

Schultz era presidente della Pride Alliance, un’associazione interna al Campus che si occupa dei diritti delle persone Lgbt.
Gli altri attivisti hanno pubblicato un post sulla pagina Facebook del gruppo in cui scrivono: “Scout ci ricordava sempre di pensare in modo critico a proposito dell’intersezione delle identità e di come una moltitudine di fattori influiva sull’esperienza di ognuno all’interno del campus e fuori. Perché non hanno usato qualche sistema non letale?”.

Le parole della madre

Una domanda che fa anche la madre, Lynne Schultz. “Perché non hanno usato qualche dispositivo non letale, come lo spray al pepe o il taser?” ha dichiarato alla stampa locale. Ma la polizia in servizio al Tech Department dell’Università non ha taser in dotazione. Secondo le regola in vigore in Usa, gli agenti possono sparare ogni volta che sono convinti di essere davanti ad un pericolo imminente. Ma se è vero che Scout aveva solo un coltellino multiuso, il pericolo appare assai ridotto. La donna ha raccontato che Scout aveva sofferto di depressione ed aveva tentato il suicidio, due anni fa.
Nessuno tra gli amici di Schultz, però, crede all’ipotesi che abbia fatto di tutto per farsi ammazzare dalla polizia.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020