Categorie: News

L’importanza dell’attivismo Lgbt+ in provincia, in Sicilia

La provincia è il luogo dove c’è più bisogno di lotta. Specialmente di quella che si tinge d’arcobaleno. Perché può essere un po’ più semplice o anche molto comodo, a seconda delle singole esperienze, vivere da persona Lgbt+ nei grandi centri, che spesso diventano luogo di rifugio per moltissime persone – per lo più giovani – che fuggono dai selvaggi borghi natii per avere una migliore qualità della vita. Ma è lì, in quei borghi – forse non così selvaggi, ma di certo problematici – che bisogna andare. Per fare la differenza. E per offrire una prospettiva. E va in questa direzione il lavoro fatto dalle associazioni locali nel ragusano, che in quest’angolo di fine estate si stanno attivando per proseguire l’impresa, molto felice, del Ragusa Pride.

Gli eventi in programma nel ragusano

Previsti, infatti, diversi appuntamenti e proprio tra capoluogo e provincia: si comincia stasera con il Summer Global Pride Party, al The Globe di Ragusa. Una festa per la prima proiezione ufficiale del video sul pride ibleo realizzato da Antonella Pulvirenti. Tale evento è organizzato dal comitato territoriale del pride e vede unite tutte le realtà che hanno organizzato la parata del 25 giugno a Marina di Ragusa. A seguire, il 26 a Villa Penna, a Scicli, si potrà assistere invece alla proiezione del documentario La mamma dei femminielli – Loredana contro la transfobia, della regia di Giulia Ottaviano, a cura del comitato territoriale di Arcigay.

La vita di Loredana Rossi

Un frammento del documentario “La mamma dei femminielli

Il video parla della vita e della parabola politica di Loredana Rossi, attivista transgender napoletana. E come si legge nella scheda di presentazione del film, «ha lottato per tutta la vita: prima come prostituta, oggi come assistente sociale e “madre” dei Femminielli di Napoli». E oggi, all’età di 60 anni, non ha intenzione di smette o di rallentare il suo percorso nell’attivismo politico. «Per ventuno anni ha lottato per strada. Per molto tempo, questa è stata la sua unica possibilità di sopravvivere e di essere percepita come una donna. Oggi difende la prossima generazione di transessuali a Napoli».

L’importanza del pride, in provincia

È cruciale l’attivismo Lgbt+ nella provincia. È qualcosa di cui attivisti e attiviste che operano in loco hanno ben chiaro. «La parata del Ragusa Pride si è conclusa a piazza Malta con la presenza di istituzioni, associazioni e di molta gente. A un certo punto, in mezzo a tutta quella gente, ho assistito a un momento molto commovente» dichiara a Gaypost.it Elvira Adamo, vicepresidente Agedo Ragusa e attivista per i diritti Lgbt+. «Due ragazze si sono prima tenute per mano, poi si sono date un bacio. Ho intercettato il loro gesto d’affetto e loro, accorgendosene, mi hanno sorriso». Quindi le due ragazze si sono confidate con l’attivista: «Noi non ci baciamo mai per strada. Stasera si può». E Adamo dice ancora: «Il mio pensiero è stato che questi baci dovrebbero essere sempre possibili, in qualsiasi momento, senza rischiare violenze e insulti. La parata del 25 giugno ha concesso a queste ragazze un momento di libertà per dichiarare il loro amore. E questo per me è stato molto commovente».

Il bisogno di essere comunità

Un momento del Ragusa Pride

«A distanza dal primo World Pride di Roma, nel 2000, anche a Ragusa è arrivata la marcia dell’orgoglio, dopo più di vent’anni. Ciò dimostra che anche nella nostra provincia c’è una comunità che ha bisogno di queste manifestazioni. Una comunità che va invogliata a venir fuori» continua Elvira Adamo. «Fare attivismo è accendere una luce. Fare attivismo in provincia, nella nostra provincia, è accendere tante piccole luci necessarie a non far venire sonno» le fa eco Andrea Ragusa, presidente locale di Arcigay. «Il sonno sui diritti, sulla coscienza di ciò che siamo, di ciò che ci spetta come diritto e non come elargizione».

Un attivismo che sveglia le coscienze sopite

«Esiste una società che ci vorrebbe addormentati, una classe politica che ci vorrebbe quasi in coma, cosicché possano riempirsi la bocca di parole come diritti ed uguaglianza senza sapere di cosa si parli» continua ancora l’attivista. E su questo punto ha le idee ben chiare: «Non si può non fare attivismo. Anzi: non si può non essere attivisti. Fare attivismo allora oltre ad essere necessario è imprescindibile per non far addormentare una società già troppo flessa su se stessa. Fare attivismo è prendere un caffè per rimanere svegli e lasciare la luce accesa!»

L’orgoglio che sblocca le resistenze

«Ragusa è una città difficile ma per certi versi anche curiosa, nella dovuta distinzione tra una Ragusa che sostiene i cambiamenti e l’altra che li contrasta» dichiara l’associazione Katastolè Prospettive a Gaypost.it. «Noi abbiamo lavorato e lavoreremo per agganciare la parte aperta, attiva, che non ha risparmiato la presenza e la partecipazione a tutti gli appuntamenti del Ragusa Pride. Il pride a Ragusa è importante perché “normalizza” ciò che in altri luoghi lo è già da tempo. Perché sblocca le resistenze. Perché rende visibile una realtà che spesso è rimasta nascosta dietro i tabù, i pregiudizi e i luoghi comuni». Tutto questo, insomma, sta accadendo nel ragusano. Dove si vuole creare una comunità forte e impegnata. Dove si vuole richiamare la società civile, tutta, alle sue responsabilità.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Tdor 2022, le iniziative nelle principali città italiane

Torna come ogni anno il Tdor, il giorno che commemora le vittime di transfobia e…

18 Novembre 2022

Carte d’identità, Palazzo Chigi: “Evidenti problemi di esecuzione dell’ordinanza di Roma”

Secondo il governo guidato da Giorgia Meloni, l'ordinanza del Tribunale di Roma sulle carte di…

16 Novembre 2022

Roma: illegittimo il decreto di Salvini che impone “padre” e “madre” sulle carte d’identità

Ricordate la crociata di Salvini contro la dicitura "genitore" sulle carte di identità elettroniche? E…

16 Novembre 2022

Sono arrivate le Agender 2023: un anno di unità, forza e solidarietà

Abbiamo poche certezze. Ultimamente, addirittura, pochissime. Una di queste è l'ormai immancabile Agender di Gaypost.it…

10 Novembre 2022

Governo Meloni: prepariamoci alle barricate, nelle scuole e nelle piazze

C'è poco da dire sulla formazione del nuovo governo Meloni, di destra-destra – per non…

22 Ottobre 2022

Fontana presidente della Camera, Famiglie Arcobaleno: “In Europa gli omofobi uccidono”

Con 222 voti, la Camera dei Deputati ha appena eletto Lorenzo Fontana nuovo presidente. Leghista,…

14 Ottobre 2022