Categorie: News

Le guide di Gay Lex: stepchild adoption e vuoti di tutela

La strada del riconoscimento alla nascita di due mamme e due papà in Italia, al momento, sembra sbarrata. La Corte di Cassazione continua a insistere sul divieto rimandando al Parlamento. La maggior parte dei Sindaci ha smesso di registrare e trascrivere, le Procure impugnano gli atti di nascita e i Tribunali – salvo rare eccezioni – li annullano.

Persino la CEDU (Corte Europea dei Diritti dell’Uomo) ha di recente rimandato il problema al mittente, dicendo che è il parlamento italiano a doversene occupare. E lasciando spazio alla ministra Roccella per paragonare bambine e bambini a villette abusive per cui fare sanatoria.

A pensar male a volte si sbaglia e a volte si indovina, ma è evidente che la situazione sia letteralmente precipitata negli ultimi mesi. Da quando la destra è andata al Governo e sforna giorno dopo giorno leggi liberticide contro le famiglie omogenitoriali, come la proposta di legge Varchi per punire la Gestazione per altre/i all’estero già passata alla Camera e in votazione a breve in Senato.

I vuoti della stepchild adoption

A fronte di un’evidente lesione dei diritti di bambine e bambini il leit motiv, soprattutto di chi è al Governo, è sempre lo stesso: «Ma che problema c’è? Avete la stepchild adoption!». Fingendo di non sapere che l’adozione in casi particolari, per quanto strumento importantissimo che fornisce una grande tutela alle famiglie omogenitoriali, purtroppo lascia tanti vuoti di tutela.

Tralasciamo quanto sia odioso di per sé dover adottare il proprio figlio. Non parliamo di quanto sia complicato e ingiusto dover parlare di sé e della propria vita davanti ad assistenti sociali, psicologi, carabinieri, giudici… Evitiamo di dire quanto sia degradante che alcuni tribunali richiedano anamnesi mediche invasive che nulla hanno a che vedere con l’adozione in casi particolari, che riguarda genitori che già convivono con i figli e le figlie ed esercitano nei fatti il ruolo genitoriale.

E non sottolineiamo che i costi dell’iter ricadono su famiglie già gravate dai costi del percorso di procreazione medicalmente assistita. Che, ricordiamolo, all’estero è tutto a proprio carico. Mentre in Italia per le coppie eteroaffettive è sostenuto dal servizio sanitario nazionale.

Una tutela non immediata

Insomma… mettiamo da parte gli adulti e concentriamoci un attimo su bambine e bambini. Quello che più sconvolge, oltre a quanto elencato sopra, sono i vuoti di tutela che colpiscono i minori. Mentre il riconoscimento e la trascrizione garantiscono a bimbe/i una tutela fin dalla nascita, con l’adozione in casi particolari la tutela non è immediata. Ci sono alcuni tribunali per i minorenni virtuosi in cui un procedimento dura poco meno di un anno (e più avanti vi racconterò un caso specifico). Ma ci sono tribunali per i minorenni dove il procedimento dura diversi anni, e questo non è assolutamente privo di conseguenze.

I rischi per le famiglie arcobaleno e per la prole

Già nella vita di tutti i giorni, come la necessità di deleghe per ogni cosa, dal ritiro a scuola ad una vita medica. Per non parlare di situazioni più gravi come può essere un ricovero ospedaliero del minore o del genitore legale. Vi è poi la possibilità che nelle more dell’adozione la coppia si separi. E che il genitore d’intenzione lasci la famiglia e non si occupi materialmente o moralmente dei figli. Oppure, come purtroppo più spesso accade, che il genitore legale a quel punto si rifiuti di prestare il consenso all’adozione che non può quindi avvenire (la legge sulle adozioni, infatti, all’art. 46 prescrive come indispensabile il consenso all’adozione da parte del genitore esercente la responsabilità genitoriale).

Vi è infine la possibilità peggiore, ma che purtroppo fa parte delle possibilità e casualità della vita, ovvero che nelle more dell’adozione il genitore legale muoia. E che il minore si ritrovi orfano senza il riconoscimento legale dell’altro genitore.

Dipendere dalla sensibilità di un tribunale?

Non parliamo di casi impossibili, lo abbiamo visto di recente a Milano dove per fortuna il Tribunale ha preso atto della particolare situazione. Così come ne ha preso atto di recente il Tribunale per i minorenni di Trento (Sentenza dello scorso 21.07.2023), in una situazione in cui il padre legale ha gravi problemi di salute. E il Collegio guidato dal Presidente dott. Giuseppe Spadaro (che già aveva fatto diverse pronunce innovative a Bologna) ha garantito in tempi brevi tutela al minore, nel suo preminente interesse, compatibilmente comunque con i tempi necessari per un’istruttoria attenta e scrupolosa.

Ma non sempre è così. Ed è evidente che il diritto di un minore a vedere riconosciuta la figura genitoriale che si occupa di lui/lei fin dalla nascita non può dipendere dalla sensibilità del singolo Tribunale o Giudice.

I limiti della stepchild adoption

La stepchild adoption, dunque, sebbene oggi garantisca un diritto di genitorialità pieno dopo la Sentenza 79 del 2022 della Corte Costituzionale, oltre a non essere la modalità più corretta per tutelare un bambino o una bambina che è nato/a all’interno di un progetto genitoriale di coppia di due uomini e due donne, rischia anche in alcuni casi di non fornire alcuna tutela

È urgente che il Parlamento approvi una legge che tuteli tutti/e le bambine e i bambini di questo Paese, nel loro preminente interesse. Come peraltro già chiesto in modo netto dalla Corte Costituzionale nel 2021 con le Sentenze 32 e 33. Con questo Governo, onestamente, l’approvazione di questa legge sembra una chimera. Ma, a maggior ragione, non possiamo smettere di sognare e lottare per ottenere ciò che è giusto.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ignazio Marino, sei ancora un alleato della comunità LGBTQIA+?

Ce lo ricordiamo tutti, Ignazio Marino, allora sindaco di Roma, che trascrive pubblicamente 16 matrimoni…

12 Giugno 2024

Europee 2024, piccoli passi per garantire il diritto di voto alle persone trans

Come a ogni tornata elettorale, e ciò vale anche per le elezioni europee, molte persone…

8 Giugno 2024

Arriva la saga finale di Sailor Moon: il ritorno delle guerriere “transgender”

Una notizia a lungo aspettata dalla fan base italiana: Sailor Moon torna su Netflix, per…

7 Giugno 2024

Enna Pride, la prima volta della marcia arcobaleno nel centro della Sicilia

Ci sono le prime volte, alcune delle quali lasciano un segno indelebile, e l'Enna Pride…

2 Giugno 2024

Padova: il Tribunale dice sì a 35 certificati con due mamme

Il Tribunale di Padova ha rigettato tutte le impugnazioni degli atti di nascita con due…

5 Marzo 2024

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023