Categorie: News

“Mi chiamo Greg, sono un prete cattolico romano e, sì, sono gay!”

“Mi chiamo Greg, sono un prete cattolico romano e, sì, sono gay!”. Così il reverendo Gregory Greiten, dell’Arcidiocesi di Milwaukee, ha fatto coming out davanti ai suoi parrocchiani della chiesa di St. Bernadette domenica scorsa per ripeterlo, il giorno successivo, sul National Catholic Reporter. La notizia è stata accolta con un applauso dai parrocchiani di Greiten.
Il prete ha spiegato di volere rompere il silenzio che avvolge i gay nella Chiesa Cattolica e stima che tra i preti statunitensi i gay siano tra gli 8.554 e i 21.571. Una forbice molto ampia, a dire il vero, la cui fonte è il libro “The Changing Face of the Priesthood” di Donald B. Cozzens. Si parlerebbe di una percentuale tra il 23 e il 58 per cento sul totale dei preti statunitensi.

Padre Gregory Greiten

Il silenzio della Chiesa incoraggia la vergogna

Greiten aggiunge che i coming out sono rarissimi perché contrari agli insegnamenti cattolici secondo cui l’omosessualità è un peccato.
“Scegliendo di incoraggiare il silenzio – scrive il parroco nel suo articolo – la chiesa istituzionale finge che i preti e i religiosi gay non esistano. Per questo, non esistono modelli sani di preti gay, sani, equilibrati e celibi che possano essere da esempio per chi, giovani e vecchi hanno difficoltà a fare i conti con il proprio orientamento sessuale. Questo non fa che perpetrare la vergogna tossica e la sistematica segretezza”.

Con chi ha avuto il coraggio di dichiararsi

Il parroco si schiera apertamente “con i pochi coraggiosi preti che si sono assunti il rischio di uscire dall’ombra e hanno scelto di vivere nella verità e nell’autenticità”.
Poi ha spiegato di essersi reso conto di essere gay mentre tornava dal seminario, a 24 anni. “Prometto di essere autenticamente me stesso” ha aggiunto.
“Abbraccerò la persona che Dio ha creato in me – ha scritto -. Nella mia vita da prete e ministro, anche io vi aiuterò, che siate gay o etero, bisessuali o transgender, ad essere autenticamente voi stessi, perché possiate vivere pienamente nella vostra immagine e somiglianza di Dio. Riflettendo l’immagine di Dio nel mondo, il nostro mondo sarà un posto più luminoso e più tollerante”.

“Un nuovo corso di libertà”

“Ho vissuto per molti anni incatenato e imprigionato nell’armadio dietro un muro di vergogna, traumi e abusi perché l’omofobia e la discriminazione prevalgono nella mia chiesa e nel mondo – ha aggiunto -. Ma oggi traccio un nuovo corso di libertà e integrità, sapendo che non c’è più niente che qualcuno possa fare per ferire o distruggere il mio spirito. I primi passi per accettare e amare la persona che Dio ha creato in me: “Mi chiamo Greg. Sono un prete cattolico romano. E, sì, sono gay!”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Annullato anche il Torino Pride: “Un flash mob e una campagna per comprare mascherine”

Prepariamoci, perché ormai è chiaro che a comunicazioni come questa, come quella del Roma Pride…

6 aprile 2020

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020