Categorie: News

Parolin benedice il congresso di Verona: “D’accordo sulla sostanza”

«Siamo d’accordo sulla sostanza» mentre c’è qualche differenza «nelle modalità». Arriva, dal Vaticano – per bocca del segretario di Stato, Pietro Parolinla benedizione (a metà, a dire il vero) al Congresso della Famiglia. Evento che ha già spaccato gli assetti parlamentari con Pd e sinistra fermamente contrari e M5S che prende le distanze (ma non è in grado di far togliere il patrocinio all’evento). Lega e Fratelli d’Italia, invece, presenzieranno al raduno anti-gay e anti-femminista. Raduno che ha già portato la società civile e democratica, nonché il mondo della cultura, a prendere posizione contro un evento a dir poco controverso.

Una benedizione all’omofobia e alla misoginia

Dmitri Smirnov

Sia ben chiaro, la presa di posizione di Parolin non è di poco conto. E schiera dunque il Vaticano – attraverso un suo alto rappresentante – dalla parte di chi vorrebbe le donne recluse in casa e le persone Lgbt discriminate. Posizioni non nuove, in verità, dentro la chiesa. Ma fa rumore quell’avallo ad un congresso in cui parteciperanno personaggi estremamente discutibili: come Theresa Okafor, attivista nigeriana fautrice di una legge per la criminalizzazione delle persone Lgbt, o come l’ugandese Lucy Akello, la quale – come riporta sull’Huffington Post Yuri Guaiana – «ha chiesto di riportare in discussione in Parlamento e approvare la legge anti-gay del 2014» che prevedeva prima «l’ergastolo, per “omosessualità aggravata”».

Il Vaticano avalla certi personaggi?

Essere d’accordo sulla sostanza – è spontaneo chiederselo – significa forse avallare questi personaggi e queste posizioni? Significa, ancora, essere d’accordo con quanto detto, tra gli altri, dall’arciprete Dmitri Smirnov? Che, ricordiamolo, sulle donne che si autodeterminano con l’interruzione volontaria della gravidanza e su è chi è d’accordo per le leggi che regolano l’aborto, avrebbe dichiarato: «Se hai le braccia ricoperte di sangue fino al gomito, e i tuoi piedi sguazzano nel sangue del tuo bimbo ucciso, non pensare che troverai alcuna felicità. Questi cannibali devono essere spazzati via dalla faccia della terra». Poi, lo sappiamo: la chiesa cattolica non è mai stata naturale alleata di donne e persone Lgbt. Lo stesso Parolin si è già espresso in merito, per altro. Ma a tutto dovrebbe esserci un limite, anche a stare dalla stessa parte della barricata di certi personaggi.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020