Categorie: News

Genio informatico, perseguitato perché gay: Alan Turing è il volto delle nuove 50 sterline

Sarà Alan Turing a comparire su una delle due facce della nuova banconota britannica da 50 sterline (sull’altra come sempre ci sara’ la regina).

Così si scusano gli inglesi

Un omaggio importante al matematico-eroe perseguitato dopo la guerra dal sua Paese solo perché gay. La decisione è stata annunciata oggi dalla Bank of England che al di là della celebrazione vuole anche essere una sorta di riparazione postuma. Turing, nato nel 1912 a Londra e morto suicida a nemmeno 43 anni a Manchester dopo essere stato condannato reato di omosessualità, è considerato uno dei matematici più brillanti della sua generazione, nonché un pioniere dell’informatica e dell’intelligenza artificiale.

La vita di Alan

Durante il secondo conflitto mondiale lavorò per conto dell’intelligence di Sua Maestà nel centro di crittoanalisi di Bletchley Park, ideando una serie di tecniche in grado di far breccia nei cifrari della Germania nazista inclusi quelli generati dalla macchina Enigma. Nel 2014 la vita di Turing è stata raccontata nel film ‘The Imitation Game’.

L’arresto per “oscenità grave”

Nel 1952, mentre era all’Università di Manchester, venne arrestato e accusato di “oscenità grave” a causa della sua relazione con un uomo di nome Arnold Murray. Turing aveva conosciuto Murray nel gennaio di quell’anno, ma lo aveva denunciato per furto dopo che quello aveva aiutato un complice ad entrargli in casa per rubare. Ammise la relazione con lui durante le indagini. La depenalizzazione del reato di “oscenità grave” tra uomini adulti in Inghilterra, che era stato stabilito con una legge del 1885 (il cosiddetto “emendamento di Labouchere”) avvenne solo nel 1967. In base a quella stessa legge venne mandato in carcere Oscar Wilde, nel 1895.

Avvelenato da una mela

Turing non andò in prigione, accettando di essere castrato chimicamente attraverso un ciclo di estrogeni della durata di un anno. Questo ebbe su di lui un effetto devastante, dal punto di vista fisico e mentale. L’8 giugno 1954 venne trovato morto nel letto di casa sua, con una mela mezza mangiata sul tavolino di fianco al letto: secondo la leggenda – e conosciuta la sua passione per Biancaneve e i sette nani – quella mela era stata avvelenata dallo stesso Turing con il cianuro che fu certamente la causa della sua morte. La madre insistette sempre che la morte di Turing fosse stata accidentale (al contrario di quanto concluse l’inchiesta giudiziaria che parlò di suicidio) mentre il figlio cercava di placcare d’argento un cucchiaio. In precedenza, Turing aveva dorato artigianalmente un altro oggetto, togliendo l’oro da un orologio da taschino.

COsì Gordon Brown nel 2009

Nel 2009, l’allora primo ministro britannico Gordon Brown si scusò ufficialmente a nome del suo paese per le persecuzioni omofobe contro Turing:

«Per conto del governo britannico, e di tutti coloro che vivono liberi grazie al lavoro di Alan, sono orgoglioso di dire: ci dispiace, ti saresti meritato di meglio»

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020