Categorie: News

“Promuove il gender”: Bolsonaro fa chiudere un canale educativo in Brasile

Totalmente di sinistra e promotrice dell’ideologia “gender”. Queste le accuse rivolte ad un’emittente brasiliana dal presidente Jair Bolsonaro, che ha così deciso di interrompere i finanziamenti verso la televisione, perché – a sentire il capo di stato di destra radicale – fortemente schierata ideologicamente.

“Tv di sinistra che promuove il gender: spazzatura”

Il logo dell’emittente

L’emittente in questione si chiama  ed è un canale educativo nazionale. Ma le parole del presidente sono state durissime, contro la programmazione televisiva: «È diseducativa, aveva una programmazione totalmente di sinistra, ispirata all’ideologia di genere». Bolsonaro ha ritenuto inconcepibile che si destinassero «soldi pubblici per l’ideologia di genere», affermando in conferenza stampa che «questo deve cambiare». E così è stata revocata la convenzione con il ministero dell’Istruzione, che garantiva 350 milioni di real l’anno. «Chi guarda Tv Escola?» ha poi chiesto il presidente, sempre di fronte ai giornalisti. «Nessuno» ha risposto, affermando che si trattava di «denaro gettato nella spazzatura».

I precedenti tentativi di censura

Non è la prima volta che la scure di Bolsonaro si abbatte su obiettivi ritenuti contrari alla sua ideologia. Già tempo fa aveva chiuso un corso di ingresso dell’Università di integrazione afro-brasiliana (Unilab) che aveva contenuti specifici per studenti e persone transgender, non binary e non conforming. Adesso, con la scusa del “gender”, la sua attenzione si rivolge ai media. Per lo stato sudamericano è ancora lunga la notte della democrazia che si è abbattuta sul paese, dopo le scorse elezioni presidenziali.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020

Stonewall 50… in Poi: torna il festival Lgbt+ a Palazzolo Acreide

Torna il festival arcobaleno degli Iblei, l'11 agosto a Palazzolo Acreide in provincia di Siracusa.

31 luglio 2020

Guardami, nasce la campagna social per raccontare la comunità T

Dai moti di Stonewall a oggi ci hanno sempre mess* da parte, hanno sempre scelto…

31 luglio 2020

Quel dolore impigliato tra le pieghe del cuore: lettera a una madre

«Tante cose che prima non capivo, le ho capite soltanto diventando genitore anch'io».

31 luglio 2020