Categorie: News

Gay aggredito e picchiato da supporter di Trump nella notte dell’elezione

L’elezione di Donald Trump a presidente degli Usa pare sta scatenando i peggiori istinti di una fetta (non sappiamo quanto cospicua) di statunitensi. Non solo le manifestazioni di festeggiamento del Ku Klux Klan, ma vere e proprie violenze. La prima si è registrata proprio nella notte dell’elezione. Un ragazzo gay candese che si trovava a Santa Monica è stato violentemente aggredito da alcuni supporter del presidente eletto che gli hanno provocato una profonda ferita alla testa curata dai medici del pronto soccorso.

Quella notte, Chris Ball si trovava in un bar di Santa Monica dove stava seguendo lo spoglio elettorale in TV come tutti gli altri clienti. Man mano che diventava sempre più chiaro che la vittoria sarebbe andata al candidato repubblicano, gli animi si surriscaldavano. “Le persone hanno cominciato ad rivolgermi insulti omofobi – ha raccontato Ball al sito di informazione canadese Metro -. Dicevano cose come ‘abbiamo un nuovo presidente, frocio di merda’“.

Più tardi, il ragazzo ha lasciato il bar e mentre era per strada è stato aggredito da un gruppo di uomini che gli hanno spaccato una bottiglia sulla testa provocandogli una grossa ferita. Per il colpo, Ball è caduto a terra sbattendo la testa sull’asfalto e svenendo.

“Ricordo che quando mi sono svegliato, ho dovuto togliermi il sangue dagli occhi – ha continuato -. Ho chiamato alcuni amici che sono venuti a prendermi e mi hanno accompagnato all’ospedale. I medici lo hanno curato e hanno richiuso la ferita con cinque punti di sutura. Il giovane ha commentato che sarebbe potuta andare peggio e che pensava che la situazione fosse più grave.

Ball sostiene che l’aggressione è avvenuta per via dell’eccitazione seguita all’elezione di Trump e che potrebbe anche trattarsi di un gruppo di ubriachi che hanno usato il risultato elettorale come scusa per picchiarlo.
“Sono di buon umore: è così che devo affrontarla – ha concluso -. Sono vivo, sto bene e sono ancora molto gay“.
I mezzi d’informazione statunitensi riportano che da quando è diventata ufficiale l’elezione di Trump si è registrato un aumento delle aggressioni omofobiche.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020