Categorie: News

#EqualGame, la campagna antidiscriminazioni della UEFA: tra i testimonial Ronaldo e Messi

Ada Hegerberg, Lionel Messi, Paul Pogba e Cristiano Ronaldo sono i nuovi testimonial della campagna Respect e degli spot #EqualGame, lanciati dalla Uefa (Union of European Football Associations) contro le discriminazioni nel calcio. La campagna è stata promossa dai giocatori e le giocatrici dilettanti di tutta Europa, ma oggi acquisisce dei testimonial importanti, in grado di dare visibilità a livello mondiale ad un messaggio di inclusione.

“Contro razzismo, sessismo, omofobia e nessuna discriminazione”

“È fondamentale che la UEFA renda il calcio accessibile a tutti e che, grazie al potere dello sport, guidi la lotta per l’eguaglianza sociale”, dichiara sul sito ufficiale della UEFA il presidente Aleksander Čeferin. Čeferin spiega che l’organo che governa il calcio europeo “deve essere un’organizzazione di fair play sociale che non tollera il razzismo, il sessismo, l’omofobia e qualsiasi altra forma di discriminazione”.

Lo spot

#EqualGame

Diversity. Inclusion. Accessibility.
Football is for everyone 🙌
#EqualGame #Respect

👉 EqualGame.com

Pubblicato da UEFA su Lunedì 11 settembre 2017

Lo spot sarà diffuso su canali televisivi e sul web anche tramite i social media perché raggiunga un pubblico il più vasto possibile.

I testimonial

“Sono grato per tutto quello che il calcio ha dato a me e alla mia famiglia ed è per questo che cerco di ridare qualcosa alla società più spesso che posso – ha detto Cristiano Ronaldo -. Credo che sia un mio dovere, da uomo e da calciatore, provare a portare un po’ di felicità a più persone che posso, sia in campo che fuori”.
“Per tutta la carriera, questo sport mi ha insegnato tante cose, ma soprattutto mi ha fatto capire che è un gioco universale e accessibile a tutti, indipendentemente dall’etnia, dall’età, dal sesso, dall’orientamento sessuale e dalla religione” ha aggiunto Lionel Messi.
Nell’ambito della campagna, mese per mese verranno pubblicati video che raccontano le storie di calciatori o calciatrici dilettanti che dimostrino come “età, disabilità ed etnia non sono un ostacolo per giocare a calcio e divertirsi”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020