Categorie: News

Sarà solo la fine del mondo: diario intimo di un giovane uomo transgender

Guglielmo Leon sa perfettamente chi è. Lo ha sempre saputo: un maschio, nato in una cittadina come tante del “centro Italia” a metà degli anni Ottanta. E di conseguenza, fin da piccolissimo si comporta come qualsiasi maschio fa. O almeno cosi crede. Sarebbe un’infanzia qualsiasi, la sua, se improvvisamente – ancora molto piccolo – suo cugino, compagno di giochi e di scorribande e poi delle prime esplorazioni dei reciproci corpi, non buttasse lì come per caso: “Anche tu sei una femmina”.

La storia di Guglielmo Leon

In quel momento ancora non lo sa ma Per Guglielmo Leon, alter ego romanzesco di Liv Ferracchiati – regista, drammaturgo e attore – inizia una recita, che dovrà durare per decenni: rappresentare la coerenza ad un corpo che lo vuole femmina, a uno sviluppo che lo incatena alle regole della biologia femminile, ai seni e al menarca. Sarà per decenni la sua prima e più importante prova d’attore, senza mai un lunedì  di riposo. Il pubblico del resto – una madre sempre oltre il limite del ricatto morale – non concepisce alternativa. Ma soprattutto, a non comprenderla e a non permettersela e il regista più inflessibile: se stesso

Sarà solo la fine del mondo

Le pagine di Sarà solo la fine del mondo torrenziali e densissime, piene di ironia come è solo quel che parla davvero di noi, sono un lungo flusso di coscienza: il diario intimo e schietto di un giovane uomo che, senza pudori o censure, e con quel pizzico di divertito compiacimento necessario a sopravvivere, attraversa una scoperta di sè fatta di paura, di dolore, di sesso e di amore, di desideri esplosivi e di mancanze inesprimibili. L’educazione all’età adulta, in fin dei conti. Solo che per Guglielmo Leon significa permettersi di essere chi è, significa mettere insieme tutte le parti di sè. E scoprire, anche, che non per tutti e non sempre c’è bisogno di costringere il corpo a trasformarsi in quello che il mondo crede che un uomo debba essere, per sentirsi intero. 

Trovare nel corpo che su di se non sa riconoscere l’oggetto d’amore e felicità possibile, quando diventa il corpo delle donne che ama. Donne che, prima ancora di quanto sia disposto a farlo lui, lo riconoscono e lo fanno esistere come chi sa di essere e nasconde. Gli insegnano a lasciar andare, poco alla volta, la zavorra del binarismo, e, con generosa fermezza, a non avere paura

Un uomo T di provincia che parla senza infingimenti

Il romanzo, edito da Marsilio, divertente e velocissimo nelle sue pur quasi cinquecento pagine, corre via in leggerezza ma è presa di consapevolezza e proiezione insieme, un invito a spingere lo sguardo dove in genere non si arriva o non si vuole arrivare. Nelle verità più scomode di un uomo T di provincia che parla senza infingimenti di quel che ha sentito davvero. Ma anche nel tempo dilatato che offre la consapevolezza. La voce di Guglielmo Leon parla dentro un altro corpo – gabbia, ma non solo – da prima di venire al mondo.

Il messaggio di “Sarà solo la fine del mondo

Liv Serracchiati

Ed è, nota di colore, il prototipo del giovane millennial, imprigionato e cullato dalla rete di riferimenti sociali, culturali che hanno definito e condizionato la sua generazione, e restituisce anche un affresco vivido dell’ultimo pezzo di novecento e degli anni Dieci del 2000, visti con gli occhi di domani, del 2078.

Di un tempo in cui – si immagina – Guglielmo Leon e il mondo avranno imparato ad assomigliarsi, a lottare per superare un presente sempre più cupo e discriminatorio. Dentro cui, però, decine di migliaia di corpi liberati sapranno rivendicarsi, e costruire un futuro in cui alle persone T, e a tutte le persone, sia dato un altro futuro, che ha cancellato le “poiane”, gli sport da maschi e da femmine, l’asfittica chiusura di tutte le province del mondo. Dove anche Guglielmo Leon, esattamente com´e può invecchiare accanto a una moglie amatissima, se lo desidera, avere dei figli. E far chiudere il sipario scegliendo fino all’ultima scena, sapendo che il teatro non è il luogo della finzione, ma lo spazio dove, come insegna il grande regista e teorico Stanislavskji, si compie “il lavoro dell´attore su se stesso”, un apprendistato a diventare un altro, senza mai perdersi.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ignazio Marino, sei ancora un alleato della comunità LGBTQIA+?

Ce lo ricordiamo tutti, Ignazio Marino, allora sindaco di Roma, che trascrive pubblicamente 16 matrimoni…

12 Giugno 2024

Europee 2024, piccoli passi per garantire il diritto di voto alle persone trans

Come a ogni tornata elettorale, e ciò vale anche per le elezioni europee, molte persone…

8 Giugno 2024

Arriva la saga finale di Sailor Moon: il ritorno delle guerriere “transgender”

Una notizia a lungo aspettata dalla fan base italiana: Sailor Moon torna su Netflix, per…

7 Giugno 2024

Enna Pride, la prima volta della marcia arcobaleno nel centro della Sicilia

Ci sono le prime volte, alcune delle quali lasciano un segno indelebile, e l'Enna Pride…

2 Giugno 2024

Padova: il Tribunale dice sì a 35 certificati con due mamme

Il Tribunale di Padova ha rigettato tutte le impugnazioni degli atti di nascita con due…

5 Marzo 2024

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023