Categorie: Politica&diritti

Buon compleanno legge Cirinnà: i numeri delle unioni civili, due anni dopo

L’11 maggio del 2016 la Camera dei Deputati approvava definitivamente la legge sulle unioni civili. Dopo un travagliatissimo iter, il 20 maggio la cosiddetta legge Cirinnà veniva finalmente promulgata dal presidente della Repubblica. Si è però dovuto aspettare il 29 luglio, data in cui è entrato in vigore il decreto ponte per celebrare le prime unioni. Da allora, dati del Ministero alla mano, in Italia le coppie che si sono unite civilmente sono 6073. Un anno prima, nel dicembre del 2016, l’asticella si era fermata a 2433. Un incremento del 149,5 per cento in un anno.

L’Italia arcobaleno delle unioni civili

Almeno da questo punto di vista, l’Italia sembra non conoscere distinzione tra nord e sud. Il numero di unioni civili celebrate è cresciuto in proporzione all’estensione territoriale e al numero di abitanti delle regioni e delle città capoluogo. Il primato regionale va alla Lombardia, con 1514 unioni celebrate fino al 31 dicembre 2017 (ultima rilevazione del Ministero), seguita dal Lazio (915) e dall’Emilia Romagna (645). Fanalino di coda la Calabria: solo 24 unioni civili. Roma si conferma la capitale: 845 unioni civili. Rispetto al dato del 2016, con 308 unioni celebrate, ha registrato un aumento del 174,3 per cento. Seguono Milano, che passa da 305 a 799, e Torino, da 153 a 378. La maglia nera è nuovamente calabrese: Crotone non ha celebrato nemmeno un’unione civile. Il dato che salta all’occhio è solo in parte territoriale. Le città e le province con il maggior numero di unioni civili sono anche quelle in cui la comunità lgbt è più visibile e organizzata in associazioni, gruppi, ma anche luoghi di ritrovo prettamente di intrattenimento.

Una legge da completare

Se i dati sulle unioni civili confermano il trend positivo del nostro paese, non ci si può però dimenticare che la legge Cirinnà ha lasciato scoperto un altro tema importantissimo: quello della genitorialità. La stepchild adoption, o meglio, la sua assenza, resta il grande vulnus di questa legge. Stralciato per venire incontro agli alleati alfaniani, oltre che alla frangia più oltranzista dei cattolici dello stesso Pd, e affossata dal Movimento 5 Stelle, il tema della genitorialità necessita di essere ridiscussa. Ad ammetterlo fu la stessa Monica Cirinnà. Subito dopo l’approvazione, infatti, aveva definito questo stralcio «un buco nella legge, nel Parlamento e nel mio cuore». E annunciò di voler tornare sulla questione riformando la legge sulle adozioni. Una spinta che anche l’ex guardasigilli Orlando, in occasione del primo compleanno della legge, aveva rafforzato definendo l’omogenitorialità un «obiettivo che non possiamo lasciar cadere nel vuoto».

Nelle mani dei giudici e dei sindaci

Vale la pena ricordare che al momento la questione è affidata alla discrezionalità dei giudici. I diritti dei bambini di fatto sono diffusi a macchia di leopardo sul territorio nazionale, con Roma e Bologna in pole e Napoli e Palermo fanalino di coda. La spinta della politica, però, passa anche da quei sindaci che stanno procedendo all’iscrizione anagrafica di bambini come figli di coppie omogenitoriali senza passare dal tribunale. Se in principio è stato De Magistris nel 2015, la sindaca di Torino Chiara Appendino è andata oltre registrando per la prima volta l’atto di nascita di un bambino nato in Italia. E poi Gabicce Mare, Roma, Catania, Alfonsine, Crema e Bologna. (dati del Ministero dell’Interno, pubblicati da HuffPost)
Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Presunta omofobia in una scuola di Ragusa: cosa sappiamo del caso

"Gay e lesbiche andrebbero esorcizzati", frase choc in una scuola nel ragusano.

23 febbraio 2021

Omofobia, insultato nella sua casa di campagna: la denuncia dello scrittore Mandetta

Lo scrittore pubblica la sua foto in lacrime, dopo gli insulti ricevuti nel suo podere…

22 febbraio 2021

Famiglie Arcobaleno contro Raggi: “Costretti a mentire, per iscrivere i bimbi a scuola”

Il sistema informatico di Roma Capitale non dà la possibilità di inserire i nomi di…

17 febbraio 2021

Cosa ha detto Draghi sulle politiche di genere nel suo discorso per la fiducia

Il neo presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha pronunciato oggi al Senato il discorso con…

17 febbraio 2021

La Corte d’Appello assolve Pillon: “Attacchi all’associazione lgbt non sono reato”

La Corte d'Appello di Perugia ha ribaltato la sentenza di primo grado con la quale…

15 febbraio 2021

Governo Draghi, agli Affari giuridici nominato giudice contrario al matrimonio egualitario

Una nomina che fa discutere, per le idee di Carlo Deodato sul matrimonio egualitario.

15 febbraio 2021