Categorie: News

Cirinnà risponde a Roccella e Meloni: “È incostituzionale cancellare le unioni civili”

“La parte più arretrata del centrodestra si ostina a suonare un disco rotto che non sente più nessuno”. Così la senatrice Monica Cirinnà, madrina della legge sulle unioni civili, risponde alle dichiarazioni di Eugenia Roccella e Giorgia Meloni sulla sua legge. “Millantano di poter abolire la legge sulle unioni civili e coppie di fatto che, in realtà, ha cambiato il Paese e ha un serio fondamento costituzionale nella sentenza Corte Cost. 138/2010 – spiega la senatrice dem in un post pubblicato su Facebook – . Lo sanno bene Giorgia Meloni & C. che stanno prendendo in giro perfino i loro elettori”.

Il referendum fallito

“A loro chiedo: che fine ha fatto la raccolta di firme per indire il referendum abrogativo che tanto avevano annunciato all’indomani dell’approvazione della legge – incalza Cirinnà -? La smettano di continuare ad accanirsi contro i sentimenti, i diritti e le persone che chiedono solo di potersi amare con quella dignità e quel riconoscimento giuridico sancito finalmente dalla legge 76/2016”.
In realtà, il referendum a cui fa riferimento la senatrice non è mai andato in porto. Il comitato promotore, di cui Roccella faceva parte insieme a Malan e Giovanardi, non è mai riuscito a raccogliere le firme necessarie per presentare il quesito.

“Riconosciute tante famiglie, anche quella di Giorgia Meloni”

“Il grande numero di unioni civili celebrate e di famiglie conviventi riconosciute, compresa quella di Giorgia Meloni, sono la prova evidente che anche attraverso questa riforma si dimostra la differenza culturale e politica tra il Partito democratico, traino del centrosinistra, e una destra oscurantista e antistorica”. La leader di Fratelli d’Italia, infatti, non è sposata e convive con il suo compagno che è il padre di sua figlia. “Il Pd vuole continuare a portare l’Italia sempre più avanti sui diritti e sul welfare – conclude -, mentre la destra sa solo alimentare paure e omofobia”.
A differenza del collega di partito Sergio Lo Giudice, Monica Cirinnà è stata ricandidata nelle liste del Pd. Corre al proporzionale del Senato nel collegio Lazio 3.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Non si può evitare di dire la verità quando si scrive”: in memoria di Delia Vaccarello

«Devi credere in quello che senti, vatti a prendere l’amore che ti aspetti. Non vista…

27 settembre 2020

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020