Categorie: News

Cassazione: “Ad un nigeriano omosessuale va riconosciuto il diritto di asilo”

La Cassazione ha emesso una sentenza a favore di un nigeriano omosessuale che ha chiesto asilo in Italia e al quale era stato negato lo status. L’uomo, che si è dichiarato gay, ha raccontato di essersi prostituito per sfuggire alla povertà. In seguito ad una rappresaglia dopo che un cliente era morto durante un rapporto, la sua casa era stata incendiata e la sua famiglia sterminata. Lui era dunque fuggito.

Il diniego del ministero e della Corte d’Appello

Questo non è bastato ad assicurargli lo status di rifugiato. Secondo quanto riporta Il Messaggero, infatti, il ministero dell’Interno glielo ha negato e la decisione è stata convalidata dalla Corte d’Appello di Ancona. Per i giudici e per il ministero, l’uomo non poteva essere considerato vittima di persecuzione, nonostante la situazione precaria e di insicurezza che vive la Nigeria e nonostante il fatto che in quel paese essere omosessuale è considerato reato punibile con la detenzione.

“In Nigeria l’omosessualit è reato”

Per la Cassazione, la Corte d’Appello non ha “valutato la sostanziale “coerenza” e “plausibilità” del racconto” e i giudici di Ancona “non hanno valutato che l’omosessualità era considerata come reato in Nigeria, ciò costituendo una grave ingerenza nella vita privata dei cittadini omosessuali, che compromette grandemente la loro libertà personale e li pone in una situazione oggettiva di pericolo, tale da giustificare la concessione della protezione internazionale”.
Ora la parola torna ad Ancona per riesaminare la domanda di asilo del nigeriano alla luce di un quadro preciso di quello che accade in Nigeria e della condizione delle persone omosessuali in quel paese.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020