Categorie: News

Belgrado Pride, qualche tensione. Sfila anche Ana Brnabic

Il Pride serbo ha sfilato domenica tra le strade di Belgrado non senza qualche tensione. In parata anche la prima ministra Ana Brnabic.

TENSIONI

Le provocazioni e i tentativi di bloccare il Pride sono arrivati, manco a dirlo, da gruppi di estrema destra. Qualche ora prima della parata circa centocinquanta persone si sono riunite per cercare di fermare la manifestazione. Molti di loro avevano in mano cartelli cristiano-ortodossi, crocefissi e hanno intonato canti religiosi. Alcuni si sono presentati vestiti da monaci.

FERMI E ARRESTI

Almeno cinque contestatori sono stati portati via dalla polizia per essersi rifiutati di muoversi dal percorso del corteo. Dopo il loro fermo la parata si è svolta senza incidenti.

ANA BRNABIC

Ana Brnabic ha sfilato al Pride di Belgrado insieme alla sua compagna. Brnabic è la prima ministra della Serbia, dichiaratamente lesbica e prima omosessuale dichiarata del partito conservatore serbo. «Oggi stiamo mandando un messaggio di tolleranza che deve essere preservato in Serbia. Penso che stiamo andando nella giusta direzione».

CONTESTATA ANCHE BRNABIC

Brnabic non è molto popolare nella comunità Lgbt+ serba e della capitale, perché secondo alcuni avrebbe fatto pochissimo per promuovere politiche amiche da quando è stata eletta. Molti i cartelli dedicati a lei, tipo uno striscione in cui si chiedeva “Prima ministra, com’è vivere da privilegiati?”

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Non si può evitare di dire la verità quando si scrive”: in memoria di Delia Vaccarello

«Devi credere in quello che senti, vatti a prendere l’amore che ti aspetti. Non vista…

27 settembre 2020

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020