Categorie: News

Attacco al Coming-Aut LGBTI+ di Pavia: vandalizzata la sede

L’omofobia purtroppo non va in vacanza e soprattutto d’estate sembra regalarci momenti di cui faremmo volentieri a meno. Questa volta è il turno del Coming-Aut LGBTI+ Community Center, i cui locali sono stati vandalizzati da ignoti. «Nella mattina di lunedì 1 agosto» si legge nel comunicato stampa dell’associazione, un volontario del centro «recandosi presso la sede di Corso Garibaldi, ha constatato che la finestra della stanza che ospita lo sportello di prima accoglienza era stata fracassata: i vetri, in frantumi sul pavimento, esito di un colpo inferto con un oggetto che non è stato ritrovato. Gli aggressori hanno inoltre rubato una pianta in vaso, che ornava il davanzale».

Le precedenti aggressioni contro il Coming-Aut LGBTI+

Non è la prima volta che il Coming-Aut LGBTI+ Community Center subisce attacchi del genere: «Nella serata di martedì 14 giugno, intorno alle 22.20, mentre nell’ufficio si stava svolgendo una riunione, un gruppo di ragazzi ha gridato insulti attraverso la finestra aperta (in particolare, “froci bastardi”). In quell’occasione, Cecilia Bettini e Davide Podavini, rispettivamente vicepresidente e presidente di Coming-Aut hanno rincorso gli aggressori, raggiungendoli per chiedere spiegazioni, ma questi si sono dati alla fuga». Episodio che ha avuto un seguito a danno di Bettini, che si è sentita apostrofare poi con insulti transfobici.

L’escalation dopo il Pavia Pride

Un momento del pride di Pavia

Davide Podavini, presidente di Coming-Aut LGBTI+ Community Center dichiara: «Quando la nostra visibilità, la presenza della comunità LGBTI+, non è tollerata, allora entra in azione l’omolesbobitransfobia. Non è un caso che queste aggressioni siano arrivate a tre mesi dall’apertura del Centro UNAR e all’indomani del VI Pavia Pride, che con il tema TORNARE FUORI aveva riempito la città di orgoglio nell’edizione più partecipata di sempre. La nostra sede, lo spazio che è stato attaccato, è il luogo di costruzione di tantissime azioni di solidarietà comunitaria e lotta politica, e, in seguito alla vittoria del bando UNAR, è oggi anche Centro Antidiscriminazioni. È uno spazio umano forte, che non si lascia intimidire».

La necessità di una legge contro i crimini d’odio

E si legge ancora, nel comunicato: «Ogni volta che la comunità LGBTI+ è stata attaccata, ne è uscita più forte. Questo il messaggio che rivolgiamo oggi a noi stess*, a tutta la comunità del territorio. Tramite il nostro legale, stiamo procedendo a sporgere denuncia-querela. Di certo c’è che queste aggressioni non saranno riconosciute come omolesbobitransfobiche perché manca una legge».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Lo strano caso della premier finlandese a cui non è permesso ballare

Una festa privata che è diventata un caso internazionale: Sanna Marin, la premier finlandese, è…

20 Agosto 2022

L’importanza dell’attivismo Lgbt+ in provincia, in Sicilia

La provincia è il luogo dove c'è più bisogno di lotta. Specialmente di quella che…

20 Agosto 2022

Elezioni, fuori Cirinnà e Giuditta Pini? Comunità Lgbt+ in rivolta sul web

Non è stato certo un ferragosto lontano dai computer, quello passato dalla comunità Lgbt+ quando…

15 Agosto 2022

Elezioni 2022: a rischio la candidatura di Monica Cirinnà

Una notizia che avremmo preferito non dare e non leggere, ancor prima, e che riguarda…

15 Agosto 2022

Addio a Piero Angela, divulgatore scientifico amico della comunità LGBT+

Se ne va via Piero Angela, pilastro della storia della televisione italiana. A darne la…

13 Agosto 2022

Addio a Gianni Reinetti, con Franco una delle coppie gay più anziane d’Italia

È morto, all'età di 85 anni, Gianni Reinetti. Insieme al compagno Franco Perrello, formò la…

9 Agosto 2022