Categorie: News

Ad Ankara vietate le iniziative Lgbt: «Problemi di ordine pubblico»

Divieto di manifestazioni ed eventi culturali a tematica Lgbt: è quanto sta succedendo in Turchia, nella capitale Ankara, dal 18 novembre scorso. Il governatore della città, infatti, ha indetto tali misure restrittive nei confronti della gay community locale per questioni di ordine pubblico.

La misura in chiave antiterrorismo

Un’immagine, divenuta simbolica, del pride di Istanbul nel 2016

«Già la scorsa settimana ad Ankara era stato vietato un festival di film gay in lingua tedesca» si legge su Repubblica.it, che riporta la notizia. Festiva «che oltre alle pellicole prevedeva dibattiti, mostre ed eventi su temi Lgbt, ufficialmente per paura che istigasse all’odio e fosse a rischio di attacchi terroristici». La giustificazione, verso quello che si configura come un vero e proprio atto di censura, è infatti questa: la presenza della comunità arcobaleno nel paese mediorientale indurrebbe la società a irrigidirsi e porterebbe i gruppi più estremisti a organizzare attentati terroristici. Solo che le istituzioni invece di intervenire sul problema – l’omofobia sociale – ha preferito silenziare le vittime del sistema.

Un clima di crescente ostilità contro la comunità Lgbt

Non è la prima volta che il paese musulmano si qualifica per atteggiamenti di aperta ostilità contro gay, lesbiche e trans. Negli ultimi anni il governo di Recep Tayyip Erdoğan, insieme alle autorità locali, ha avviato una vera e propria politica antigay, vietando a più riprese il pride di Istanbul. Segno dell’involuzione confessionale – il partito di Erdoğan è islamista – e autoritaria del “nuovo corso” in atto in Turchia. Un segno di involuzione rispetto al passato. La Turchia, infatti, fu il primo paese di fede musulmana ad avere il suo pride nel 2003. Gli attivisti, intanto, denunciano un clima di intimidazioni sempre crescente, denunciando violenze e – in alcuni casi – anche abusi sessuali e stupri ai loro danni.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020