Categorie: News

Ecco chi è il primo calciatore australiano a fare coming out

Andy Brennan, 26enne esterno offensivo del Green Gully di Melbourne, è diventato il primo calciatore del campionato australiano a fare coming out, rivelando pubblicamente la sua omosessualità in un post su Instagram. Il 26enne attaccante ha dichiarato che dopo il suo annuncio, rarità nel mondo del calcio, ha ricevuto un forte sostegno dalla sua famiglia e dai suoi compagni di squadra

“Era diventato pesante”

“Mi ci sono voluti anni per sentirmi a mio agio nel dire che ero gay – ha scritto Brennan – Avevo paura che ciò avrebbe potuto influenzare i miei amici, i miei compagni di squadra e la mia famiglia”. In un’intervista con l’Herald Sun, Brennan ha affermato che nascondere il proprio orientamento sessuale era diventato troppo pesante. “Sei mesi fa ci ho pensato molto, ho cercato di nasconderlo e metterlo da parte, temevo il modo in cui poteva essere percepito“, ha aggiunto. Secondo un report della A-League, Brennan è “il primo calciatore di sesso maschile australiano a dichiararsi gay”, aggiungendo che il giocatore aveva una ragazza fino allo scorso giugno.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Legge Zan adottata in Commissione Giustizia: entro giovedì gli emendamenti

Depositata il 30 giugno scorso , la proposta di legge contro l'omolesbobitransfobia e la misoginia…

14 luglio 2020

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020