Categorie: News

Aiutiamo le sex worker: la campagna di Arcigay Catania, per San Berillo

L’emergenza coronavirus si è abbattuta anche su/lle sex worker. È questa la denuncia che arriva da Arcigay Catania, che ricorda che anche le lavoratrici e i lavoratori del sesso stanno vivendo un momento difficilissimo. Sia per la situazione in sé, sia perché la loro professione non è riconosciuta e viene, anzi, stigmatizzata e marginalizzata. Per tale ragione, il comitato territoriale etneo ha lanciato «una raccolta fondi destinata alle lavoratrici e ai lavoratori del sesso del quartiere di San Berillo», lo storico quartiere “a luci rosse” della città.

Nessuna forma di sostegno per i/le sex worker

Il logo della campagna

Riguardo ai/lle sex worker, Arcigay Catania ci tiene a precisarlo: «Sono anzitutto persone , oltre che membri della comunità, che si sono trovate dall’oggi al domani senza un lavoro e senza la possibilità di avere un reddito che, proprio come avviene per molte e molti di noi, sostiene spesso non solo loro stesse, ma anche figli*, familiari, parenti e amic*». L’associazione, nella pagina in cui ha lanciato l’iniziativa, ricorda ancora: «Gli effetti collaterali della pandemia non colpiscono tutt* allo stesso modo, ma svelano privilegi grandi e piccoli e nodi irrisolti. La criminalizzazione e il sommerso in cui è lasciato in Italia il sex work fa sì che per queste lavoratrici e lavoratori non siano previste cassaintegrazione e altre forme di sostegno».

Ultimi giorni per aderire

E proprio perché fanno parte integrante della comunità, ricorda ancora Arcigay Catania, «con grande senso di responsabilità e in ottemperanza delle regole di distanziamento sociale imposte dallo Stato, le/i sex worker di San Berillo hanno deciso al momento di non ricevere più clienti per non esporsi e non esporli al contagio». E quindi, «per tutti questi motivi, Arcigay Catania ha deciso di agire, chiedendovi di aggiungervi all’istanza solidaristica dalla stessa promossa, col contributo che vorrete, e di unirvi alla lotta perché nessun* sia lasciato indietro. Certi e certe, come siamo, che questa pandemia si sconfigga solo tutt* insieme!» La raccolta si concluderà tra sei giorni. È il momento di essere solidali.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020