Categorie: News

Aggressione di Londra, uno dei colpevoli se la cava con una multa

Lo scorso maggio l’aggressione a Melania Geymonat e Christine Hanningan su un bus di Londra aveva fatto il giro del mondo. Dei ragazzi le avevano aggredite dopo il loro rifiuto di baciarsi. Uno degli aggressori, reo confesso, l’ha fatta franca: un centinaio di sterline di multa e qualche ora di servizi alla comunità. L’attacco, condannato anche dal sindaco di Londra Sadiq Kahn, era stato perpetrato da quattro teenager tra i quindici e i diciassette anni. Tutti e quattro erano stati arrestati, ma per uno dei diciassettenni le accuse sono cadute. Adesso a farla franca è anche il sedicenne: per lui niente galera.

LE ACCUSE AL BRANCO

Per tutti e tre i ragazzi rimasti le accuse strano di molestie e crimine d’odio dovuti da omofobia di gruppo e a frasi denigratorie come «ehi lesbiche, sforbiciate?». Prima dell’inizio del processo, il mese scorso, tutti e tre erano si erano dichiarati colpevoli di aver preso di mira le ragazze. Il sedicenne ha affrontato un’accusa ulteriore per molestie e furto, dato che aveva rubato il portafoglio di una delle due e usato il suo telefono come oggetto contundente. Ciononostante se la caverà con otto mesi di servizi alla comunità e 120 sterline di multa.

ATTENUANTI

Secondo l’avvocato Andrew Mooney il sedicenne non avrebbe urlato insulti omofonici come gli altri tre compari. Il ragazzino ha affermato di aver compreso di aver fatto del male alle ragazze e di voler dimostrare che lui non è una cattiva persona. L’altro diciassettenne, invece, ha inizialmente negato ogni coinvolgimento nell’aggressione, ma il giudice – rivisto il materiale delle telecamere di sicurezza – ha respinto la sua dichiarazione. A lui sono commiati quattro mesi in un centro di riabilitazione.

LA RABBIA DELLE VITTIME

«Mi sento veramente arrabbiata e triste in questo momento. Sento un dolore fortissimo», ha detto Geymonat alla stampa. «Si è convinta che sia successo solo perché è lesbica e perché erano due donne sole in giro di notte», ha raccontato il pubblico ministero. Il quindicenne sarà processato al settimana prossima.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020