News

Aggressione di Londra, uno dei colpevoli se la cava con una multa

Lo scorso maggio l’aggressione a Melania Geymonat e Christine Hanningan su un bus di Londra aveva fatto il giro del mondo. Dei ragazzi le avevano aggredite dopo il loro rifiuto di baciarsi. Uno degli aggressori, reo confesso, l’ha fatta franca: un centinaio di sterline di multa e qualche ora di servizi alla comunità. L’attacco, condannato anche dal sindaco di Londra Sadiq Kahn, era stato perpetrato da quattro teenager tra i quindici e i diciassette anni. Tutti e quattro erano stati arrestati, ma per uno dei diciassettenni le accuse sono cadute. Adesso a farla franca è anche il sedicenne: per lui niente galera.

LE ACCUSE AL BRANCO

Per tutti e tre i ragazzi rimasti le accuse strano di molestie e crimine d’odio dovuti da omofobia di gruppo e a frasi denigratorie come «ehi lesbiche, sforbiciate?». Prima dell’inizio del processo, il mese scorso, tutti e tre erano si erano dichiarati colpevoli di aver preso di mira le ragazze. Il sedicenne ha affrontato un’accusa ulteriore per molestie e furto, dato che aveva rubato il portafoglio di una delle due e usato il suo telefono come oggetto contundente. Ciononostante se la caverà con otto mesi di servizi alla comunità e 120 sterline di multa.

ATTENUANTI

Secondo l’avvocato Andrew Mooney il sedicenne non avrebbe urlato insulti omofonici come gli altri tre compari. Il ragazzino ha affermato di aver compreso di aver fatto del male alle ragazze e di voler dimostrare che lui non è una cattiva persona. L’altro diciassettenne, invece, ha inizialmente negato ogni coinvolgimento nell’aggressione, ma il giudice – rivisto il materiale delle telecamere di sicurezza – ha respinto la sua dichiarazione. A lui sono commiati quattro mesi in un centro di riabilitazione.

LA RABBIA DELLE VITTIME

«Mi sento veramente arrabbiata e triste in questo momento. Sento un dolore fortissimo», ha detto Geymonat alla stampa. «Si è convinta che sia successo solo perché è lesbica e perché erano due donne sole in giro di notte», ha raccontato il pubblico ministero. Il quindicenne sarà processato al settimana prossima.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Catania, Comune nega la carriera alias alle persone transgender

Il comune di Catania nega la carriera alias alle persone transgender e non binarie della…

22 Giugno 2024

Ignazio Marino, sei ancora un alleato della comunità LGBTQIA+?

Ce lo ricordiamo tutti, Ignazio Marino, allora sindaco di Roma, che trascrive pubblicamente 16 matrimoni…

12 Giugno 2024

Europee 2024, piccoli passi per garantire il diritto di voto alle persone trans

Come a ogni tornata elettorale, e ciò vale anche per le elezioni europee, molte persone…

8 Giugno 2024

Arriva la saga finale di Sailor Moon: il ritorno delle guerriere “transgender”

Una notizia a lungo aspettata dalla fan base italiana: Sailor Moon torna su Netflix, per…

7 Giugno 2024

Enna Pride, la prima volta della marcia arcobaleno nel centro della Sicilia

Ci sono le prime volte, alcune delle quali lasciano un segno indelebile, e l'Enna Pride…

2 Giugno 2024

Padova: il Tribunale dice sì a 35 certificati con due mamme

Il Tribunale di Padova ha rigettato tutte le impugnazioni degli atti di nascita con due…

5 Marzo 2024