Categorie: News

Todi: il sindaco no gender nega il patrocinio per il 25 aprile

Nemmeno per il 25 aprile il comune di Todi perde il vizio: dopo essersi distinto in quella che si profila come vera e propria crociata contro il “gender” – e già qui ci sarebbe molto su cui riflettere, circa la capacità dell’amministrazione di discernere tra scienza e bufale –  la giunta di centro-destra ha negato il suo patrocinio per la Festa della Liberazione all’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (Anpi).

Il patrocinio negato all’Anpi

Il sindaco Ruggiano

L’Anpi aveva richiesto al Comune di aderire alle proprie iniziative per l’anniversario della caduta del fascismo. Eppure del«l’Amministrazione Comunale» si legge in un comunicato ufficiale «ha inteso predisporre un programma delle celebrazioni, che sia quanto più istituzionale possibile, evitando, quindi, di aderire a programmi e celebrazioni che abbiano una impostazione di parte». Niente patrocinio, insomma. Sfuggono le ragioni di questo diniego. Sarà che la maggioranza, guidata dal sindaco Antonino Ruggiano di Forza Italia, ha accolto nella sua coalizione anche alcuni rappresentanti di Casa Pound, partito dichiaratamente fascista?

Il 25 aprile si deve essere di parte

Si spera che il sindaco ci ripensi, all’ultimo minuto, e che chiarisca quanto prima che non è stata quella scomoda alleanza la ragione che lo ha indotto a evocare un non meglio precisato concetto di equidistanza. Perché, ricordiamolo: di fronte a certe questioni non si può che essere di parte. Soprattutto se parliamo dei valori fondativi della nostra democrazia, che ha nel 25 aprile uno dei suoi simboli e che nasce proprio dalla lotta partigiana e dall’antifascismo. Sarebbe il caso che qualcuno lo spiegasse al sindaco di Todi. Magari insieme al fatto, va da sé, che il “gender” non esiste.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

L’appello disperato di Camilla, vittima di lesbofobia: “Possiamo fare qualcosa? Lo Stato non mi aiuta”

Si chiama Camilla Cannoni, a giudicare dalle foto che pubblica sui suoi social, è un'operatrice…

28 ottobre 2020

Legge Zan: Costa presenta di nuovo l’emendamento che fece infuriare la comunità LGBT+

La legge Zan torna questa mattina alla Camera dei Deputati. La discussione per l'approvazione del…

28 ottobre 2020

Legge Zan, Camera: respinte le pregiudiziali di costituzionalità

Superato uno dei primi scogli alla Camera. Prosegue il dibattito sulla legge Zan.

27 ottobre 2020

Legge Zan, domani si torna in aula: la maggioranza presenta 7 emendamenti

La maggioranza presenterà sette emendamenti alla legge Zan che ritorna in aula domani pomeriggio. "I…

26 ottobre 2020

Paura di volare: il libro che fa la storia della prima ondata femminista

Tornano i nostri "libri di fuoco", quei libri che ti toccano l'anima scaldandoli come una…

24 ottobre 2020

Bergoglio: “Sì alle unioni civili, gli omosessuali hanno diritto a essere famiglia”

«Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia» così papa Francesco.

21 ottobre 2020