Categorie: News

A Lecco il seminario sulla felicità e la pace vietato ai gay

Alla porta gay e chi soffre di disturbi psichiatrici.
Ospiti indesiderati al seminario sulla felicità e la pace interiore organizzato a Lecco con il patrocinio del Pirellone e il contributo dell’Amministrazione provinciale.

Con una piccola eccezione: «Possono partecipare gli omosessuali solo se desiderano praticare il celibato – riportano le clausole sul modulo di iscrizione – Non possono invece partecipare coloro che hanno gravi malattie o disturbi psichici che comportano l’uso di psicofarmaci».

“Segnalare la propria condizione”

Il corso è stato presentato lo scorso weekend durante le conferenze nell’aula magna del Politecnico di Lecco dal guru 79enne Pier Franco Marcenaro, fondatore della Scuola della spiritualità della onlus Centro dell’uomo e presidente del Centro interreligioso mondiale.
Il seminario sarà composto da 12 incontri, il primo dei quali si è svolto ieri. Partecipatissimo e frutto di una campagna di comunicazione importante, con manifesti affissi ovunque con gli stemmi di Regione e Provincia di Lecco. Se l’ingresso non è aperto a chi ha problemi psichiatrici, possono accomodarsi in platea le persone lgbt che desiderano praticare il celibato, a patto però di segnalare la loro “condizione” per «permettere loro un regolare progresso nella meditazione».

Patrocinio di Regione e Provincia

“Il corso in questione è stato presentato nell’aula Magna del Politecnico con Patrocinio di Regione Lombardia e contributo della Provincia di Lecco– denuncia l’associazione gay, lesbo, bisex e transgender Renzo e Lucio di Lecco – Ci chiediamo se Politecnico e Provincia hanno valutato realmente i contenuti di questa iniziativa? Ci auguriamo che non ne condividano le basi ideologiche e, in quanto realtà pubbliche e laiche, prendano distanza da queste impostazioni discriminatorie e non scientifiche”.
Il presidente della Provincia, Claudio Usuelli è intervenuto sulla questione: “Non eravamo a conoscenza di queste discriminazioni. Abbiamo concesso l’utilizzo della sala a tariffa ridotta come ai volontari di tutte le associazioni. Chiederò immediatamente chiarimenti e assumerò i provvedimenti del caso”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Coronavirus, la campagna per il sostegno alle persone Lgbt+ durante l’isolamento

La Rainbow Line in aiuto delle persone Lgbt+ chiuse in casa a causa del coronavirus.

26 marzo 2020

Effetto coronavirus: annullato l’Umbria Pride (e non sarà il solo)

Per la prima volta, sarebbe stato "Umbria Pride" e non più "Perugia Pride". Ma ieri…

26 marzo 2020

Quarantena e informazioni: 3 buone pratiche per affrontare il coronavirus

Attenzione alle informazioni che troviamo sul web: non tutte sono buone e rischiano di creare…

25 marzo 2020

Gestire la paura: i 10 consigli degli psicologi contro lo stress da coronavirus

Dieci buoni consigli per evitare di farsi prendere dal panico, durante l'emergenza da coronavirus.

24 marzo 2020

La cosa più difficile per un genitore? Spiegare ai nostri figli cosa sta succedendo là fuori

Cosa significa vivere in una famiglia arcobaleno, al tempo del coronavirus.

20 marzo 2020

#Fottiamoilcoronavirus: la campagna di CondividiLove sul sesso e il Covid-19

"A solito, di sesso non si parla mai". E l'emergenza Covid-19 non fa eccezione. Per…

19 marzo 2020