Categorie: NewsVideo

Ucraina, la storia del primo soldato gay dichiarato

Viktor Pylypenko, 31 anni, è probabilmente il primo soldato ucraino ad essersi dichiarato pubblicamente gay. Intervistato dalla BBC, ha raccontato la sua storia, da quando “doveva fingere” a quando ha deciso di uscire allo scoperto.

La sua storia non è molto diversa a quella di tanti coetanei, anche italiani, che sul posto di lavoro si trovano in imbarazzo quando gli altri colleghi fanno domande sulla propria vita privata. “Non potevo dirlo a nessuno anche se i ragazzi mi chiedevano continuamente con chi uscissi” ha raccontato alla giornalista Zhanna Bezpiatchuk. Poi le richieste dei colleghi sono divenute sempre più pressanti: “Mi hanno chiesto di mostrare le foto della ragazza con cui mi vedevo. Mi chiedevano di raccontare la sua storia, il suo nome, per cui dovevo fingere tutto il tempo“.

Quando siamo tornati alla vita civile -ha proseguito Pylypenko-, abbiamo incontrato persone che dicevano che le persone LGBT e le persone di altre nazionalità sono persone inferiori, che non dovrebbero far parte della nostra società, che non dovrebbero avere gli stessi diritti. In risposta a ciò ho deciso di dichiararmi
Le reazioni al coming out? “La gente comune ha reagito positivamente, come pure i miei compagni: hanno tutti continuato a definirmi un buon soldato“. “Essere gay non cambia nulla“, ha chiosato.

Condividi

Articoli recenti

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020