Categorie: News

Verona, niente piazza a “Italia in Comune”: voleva contestare il Congresso

Il Comune di Verona, in seguito a decisione della Prefettura, ha negato a “Italia in Comune” il permesso di manifestare in difesa della libertà delle donne il prossimo 29 marzo in piazza Bra. Il movimento voleva contestare il Congresso delle famiglie nel giorno in cui iniziano i lavori.

La denuncia arriva da Federico Pizzarotti e Alessio Pascucci, presidente e coordinatore nazionale di Italia in Comune. “I militanti del partito saranno comunque presenti a Verona per esprimere contrarietà a quella che è già stata definita l’internazionale della famiglia tradizionale – spiegano  i due sindaci -, con un dibattito incentrato sul corpo delle donne, sulla negazione del valore degli esseri umani in quanto tali”.

Deficit di democrazia

La scelta di negare la piazza a Italia in Comune, che “fa seguito alla decisione della Questura di negare la piazza anche a +Europa, è una scelta incomprensibile che conferma l’oggettivo deficit di democrazia del nostro Paese“, attaccano Pizzarotti e Pascucci. Ma, anticipano, il presidio di Verona “sarà l’occasione per far conoscere le proposte di Italia in Comune sul tema dei diritti civili”.

Ddl Pillon abominio giuridico

Precise anche le richieste formulate. Dal “ritiro immediato del ddl Pillon che è un abominio giuridico sulla pelle delle donne e dei bambini”, alla garanzia del diritto di abortire come libera scelta di tutte le donne, all’estensione del reato di tortura alle violenze perpetrate sulle donne e sui bambini, al riconoscimento giuridico di coppie dello stesso sesso e delle famiglie da loro formate, con pieno diritto di adozione, fino all’introduzione del reato di omofobia.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020