Categorie: News

Regno Unito: trasmissioni di HIV calate del 73 per cento tra gli uomini gay e bisessuali

Secondo quanto riferisce la BBC, nel Regno Unito il numero di diagnosi di HIV è drasticamente calato dal 2014 ad oggi. I dati sono stati diffusi da Public Health England, un’agenzia esecutiva del Dipartimento della sanità e dell’assistenza sociale dell’Uk.
Tra la popolazione maschile gay e bisessuale il calo registrato è pari al 73 per cento, un dato attribuito all’aumento del ricorso alla profilassi pre-esposizione (Prep).

Dimezzate le trasmissioni di HIV tra gli MSM

Tra gli uomini omosessuali e bisessuali i casi di trasmissione del virus dell’HIV sono calati dai 2300 del 2014 agli 800 del 2018 ed è aumentato sensibilmente il numero di test eseguiti negli ultimi 10 anni.
Sempre dal 2014 al 2018 si è dimezzato il numero dei casi di HIV tra gli uomini che fanno sesso tra gli uomini passando a 3.600.

Obiettivo: zero HIV nel 2030

Secondo il Ministro della Salute Matt Hancock il Regno Unito è sulla buona strada per arrivare a zero trasmissioni di HIV entro il 2030.
“Sono fermamente convinto che dobbiamo interrompere la trasmissione dell’HIV – ha dichiarato Hancock secondo la BBC -. L’HIV ha portato un dolore e sofferenza indicibili a troppe persone, per questo è incoraggiante vedere le trasmissioni che continuano a crollare nel Regno Unito”.

La Prep poco disponibile

Il sito del principale canale televisivo britannico riferisce che la Prep è attualmente disponibile per le persone considerate ad alto rischio di trasmissione in Scozia. In Inghilterra, invece, in molti hanno dovuto aspettare per entrare nel programma iniziato per la prima volta a settembre 2017.
Ad ottobre 2019 erano almeno 15 le persone inglesi che erano risultate positive al test HIV mentre aspettavano di potere accedere al programma.
Le associazioni e gli attivisti chiedono al governo che la Prep sia disponibile su più ampia scala, dati i risultati sulla prevenzione della trasmissione del virus.

“Trasmissioni evitabili”

“I numeri mostrano l’impatto che può avere la Prep, unita all’aumento dei test e al rapido accesso alla terapia – spiega Phil Samba, attivista di Prepster -. Viviamo davvero in una nuova era della prevenzione dell’Hiv, ma al momento la Prep non è ancora disponibile gratuitamente nel Sistema Sanitario Nazionale inglese e a causa della lentezza della politica si stanno verificando trasmissioni evitabili”.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020