Categorie: News

Uk, Boris Johnson ha vinto: cosa devono aspettarsi le persone Lgbt+?

La notizia ha iniziato ad aleggiare nell’aria fin dai primi exit poll di ieri sera. I Conservatori hanno stravinto le elezioni britanniche. Il partito di Boris Johnson ha già superato i 326 seggi necessari per dichiarare vittoria e dovrebbe arrivare ad averne in totale 365: il risultato più alto dai tempi di Margaret Tatcher.
Boris Johnson sarà dunque confermato Primo ministro. Cosa comporterà questa elezione per le persone Lgbt+?

CON JOHNSON TEMPI BUI IN ARRIVO

Dati i numeri è facile ipotizzare che BoJo rimarrà in carica per tutti e cinque gli anni previsti dal mandato. E saranno cinque anni durante i quali per la comunità Lgbt+ e per i suoi diritti non saranno certo rose e fiori.
Nel programma politico dei Conservatori la parola “queer” è menzionata tre volte. Il governo di Johnson continuerà ad «Aiutare gli insegnanti a contrastare il bullismo omofonico», continuerà a perseguire i crimini d’odio e formerà una “conferenza Lgbt+” internazionale.
In una intervista con la rivista inglese PinkNews BoJo ha confermato che i Tories resteranno «Fedeli all’Action Plan Lgbt+ che prevedere la fine delle terapie riparative».
Anche il Gender Recognition Act dovrebbe essere annunciato durante questo nuovo mandato: per ora era stato ritardato proprio dai ministri Tory.

PARLAMENTARI ALLEATI?

Come detto i Conservatori hanno ottenuto una larga maggioranza. Tra gli eletti purtroppo si registrano alcuni esponenti decisamente anti-Lgt+: tipo Sally-Ann Hart eletta a Hastings. La politica di destra è stata eletta nonostante stesse affrontando una investigazione interna del partito dopo essere stata accusata di antisemitismo, islamofobia e transfobia.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020