Categorie: News

Trump non vuole trans nelle truppe? Una chirurga eseguirà l’intervento gratis

Trump non vuole più le persone trans nelle Forze Armate. L’ha dichiarato qualche giorno fa in tre tweet. E sebbene i generali di corpo d’armata lo abbiano sconfessato dicendo che i tweet non servono a modificare la policy stabilita, le proteste si sono susseguite in tutti gli Usa. L’ultima iniziativa è di una ex chirurga della Marina. La dottoressa Christine McGinn, che è lei stessa una trans, ha annunciato che eseguirà gli interventi per la riassegnazione del sesso gratuitamente a chiunque voglia rimanere nelle forze armate statunitensi. Se il governo si rifiuta di pagare gli interventi, lei li farà ugualmente. Gratis.

“Un’evidente discriminazione”

La dottoressa, intervistata dalla CNN, ha promesso di prendersi cura dei veterani e delle veterane trans
“Se il comandante in capo non intende prendersi cura dei nostri veterani, lo faranno loro stessi – ha detto -. Eseguirò l’intervento gratuitamente alle persone che sono già in lista per sottoporvisi”.
“È un’evidente discriminazione – ha aggiunto la dottoressa riferendosi alla dichiarazione di Trump -. Se ne accorgerebbe anche un bambino delle elementari”.

La questione dei costi? Solo una scusa

Per McGinn la questione dei costi che le forze armate dovrebbero sostenere è solo una scusa. “Penso che il costo di avere militari specializzati e ben preparati sia esponenzialmente maggiore di quello che servirebbe per prendersene cura” ha detto la chirurga. “I miei pazienti tornano a lavoro in sei settimane, a volte perfino in due” ha spiegato per sostenere che neanche l’assenza dal lavoro dovuta all’intervento rappresenta una perdita così insostenibile.

Condividi

Articoli recenti

Secondo l’Oms le persone Lgbtq+ sono tra le più a rischio suicidio

Per la giornata mondiale della salute mentale l'Oms ha pubblicato i dati sul suicidio. Le persone Lgbtq+ tra quelle più…

15 ottobre 2019

Marche, la Lega accusa il progetto della Regione di proporre il “gender” a scuola

Il progetto si chiamerà "W l'amore", ma la Lega e l'Udc annunciano battaglia. L'assessora regionale si dissocia.

14 ottobre 2019

“Super trans”, ma è una drag queen: dopo le polemiche, Arcigay si scusa per la campagna

Per la giornata mondiale del coming out Arcigay pubblica una campagna, ma fioccano le polemiche. Oggi arrivano le scuse.

14 ottobre 2019

Alessia e Davide, storica sentenza: il matrimonio di due persone trans è stato trascritto

Alessia e Davide si erano sposati prima della transizione di entrambi, nel 2016. Ora il tribunale di Grosseto ha ordinato…

14 ottobre 2019

L’Uganda vuole introdurre la pena di morte per gli omosessuali

Il presidente ugandese si dice fiducioso che la legge passerà, appena presentata in parlamento.

11 ottobre 2019

Studente picchiato: aggressione omofoba a Firenze

Il Corriere Fiorentino, nella sua edizione cartacea odierna, ha denunciato un'aggressione omofoba avvenuta a Firenze. LA RICOSTRUZIONE Secondo quanto riportato…

11 ottobre 2019