Categorie: News

Torino: Silvana De Mari andrà a processo per le sue dichiarazioni omofobe

La dottoressa e scrittrice di fantasy Silvana De Mari andrà a processo per diffamazione. Secondo quanto apprende Gaypost.it, il gup di Torino ha infatti rifiutato la richiesta di archiviazione presentata dal pubblico ministero pochi giorni fa. A sporgere querela contro De Mari, per via delle sue dichiarazioni contro le persone lgbt e soprattutto contro gli omosessuali maschi, era stato il Coordinamento Torino Pride.

Le dichiarazioni di De Mari

In diverse occasioni, tra cui alcune puntate della trasmissione radiofonica “La Zanzara”, la dottoressa aveva apostrofato i gay come “nuova razza ariana” e persone che “vivono una condizione tragica”. Molti gli incontri che De Mari tiene in giro per l’Italia sostenendo che gli omosessuali si possono “curare” (lei stessa sostiene di averne “curati” diversi) presentando la sessualità dei gay come disturbata e innaturale.

“Una buona notizia”

“È una buona notizia – commenta a Gaypost.it Alessandro Battaglia, coordinatore del Torino Pride -. Quando il giudice ordina al pm il rinvio a giudizio, riconosce la validità della denuncia e anche che il Coordinamento è soggetto titolato a presentare richiesta di opposizione e ad andare in giudizio contro le dichiarazioni infamanti e violente rivolte a tutta la comunità lgbt dalla signora De Mari”.

Gli altri procedimenti

Contro la dottoressa pendono altri due procedimenti. Uno disciplinare all’Ordine dei medici, sollevato dagli avvocati di Gay Lex e una querela sporta a Roma dal Circolo di Cultura omosessuale Mario Mieli. Nel primo caso Gay Lex ha denunciato le posizioni di De Mari, contrarie a quanto la comunità scientifica ormai afferma da quasi 30 anni: l’omosessualità non è una malattia e quindi nessuna cura è praticabile, oltre ad essere ritenuta dannosa per le persone cui viene somministrata. Nel secondo caso, la scrittrice aveva definito Mario Mieli “cantore di pedofilia” e sostenuto di potere “assumere che tutti gli iscritti provino simpatia per queste pratiche”.

Condividi

Articoli recenti

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020

Regno Unito: trasmissioni di HIV calate del 73 per cento tra gli uomini gay e bisessuali

Secondo quanto riferisce la BBC, nel Regno Unito il numero di diagnosi di HIV è drasticamente calato dal 2014 ad…

16 gennaio 2020