Categorie: News

Stati Uniti, Itali Marlowe è la ventesima vittima trans del 2019

Itali Marlowe è la ventesima vittima trans dall’inizio del 2019 negli Stati Uniti. La quarta nello stato del Texas. Cosa sta succedendo negli Usa?

L’OMICIDIO

Itali è stata ritrovata nel vialetto di casa dalla polizia, intervenuta dopo una chiamata che denunciava esplosioni da armi da fuoco. Quando la polizia è arrivata sul posto, in un tranquillo sobborgo di Houston, ha trovato Itali Marlowe con diverse ferite. Vana purtroppo la corsa all’ospedale dove Itali è arrivata già morta.

I SOSPETTI E L’IDENTIFICAZIONE DEL COLPEVOLE

I numerosi colpi di pistola esplosi contro Itali hanno insospettito il vicinato che ha riferito alla polizia di aver visto un uomo scappare a piedi dal dialetto poco prima dell’arrivo delle autorità. L’uomo è stato identificato come Raymond Donald Williams, ventitreenne coinquilino di Itali Marlowe. Attualmente è ricercato e la polizia ha attivato una linea speciale per chiunque volesse fornire informazioni su di lui.

LA QUARTA VITTIMA IN TEXAS

Itali Marlowe è la quarta vittima trans texana del 2019. Prima di lei una sorte simile era toccata a Tracy Single, sempre a Houston: in sua moria il municipio era stato decorato coi colori dell’arcobaleno. Le altre due vittime, invece, erano originarie di Dallas.
La morte di Marlowe è la ventesima avvenuta negli Stati Uniti quest’anno e ancora una volta si tratta di una donna trans di colore.
Secondo i sostenitori della causa trans la violenza contro le donne trans è un problema sottovalutato. Molte vittime potrebbero essere state vittime di misgendering da parte della polizia e queste statistiche potrebbe dover essere corrette per eccesso.
La Human Rights Campaign ha rilasciato una dura dichiarazione: «Queste vittime non sono numeri. Erano persone, con progetti e speranze. Sogni per il futuro. Persone che le amavano e comunità che sentiranno la loro mancanza ogni giorno».

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020