Categorie: FotoNews

Roma: blitz fascista al Village, l’estivo di Muccassassina

Prima di iniziare la serata, ieri 21 settembre, gli organizzatori del Village Roma, location estiva della nota serata lgbt+ romana Muccassassina, hanno avuto una brutta sorpresa.

Alcuni striscioni all’ingresso del Village sono stati imbrattati con svastiche e croci celtiche.
A darne notizia è il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli con un post sulla propria pagina Facebook.
“Questa sera all’entrata del Village Roma, dove si tiene la chiusura della stagione estiva di Muccassassina, abbiamo trovato la recinzione imbrattata da questi simboli nazi-fascisti – si legge nel post -. Da 30 anni Muccassassina rappresenta uno spazio di cultura e socialità per la comunità lgbt+ italiana. Le minacce e gli attacchi che puntualmente gruppi neo fascisti ci rivolgono non ci hanno mai intimidito né cominceranno a farlo adesso”.
“Muccassassina non si ferma – continua il post -. Continueremo a ballare, a divertirci e a sostenere la comunità lgbt+ come facciamo dal 1990. Buona Muccassassina a tutt*!”.
Ecco le immagini dei simboli fascisti:

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020