Categorie: News

Chiesto il rinvio a giudizio per De Mari per le frasi contro il Circolo Mario Mieli

Si terrà domani l’udienza preliminare del processo contro Silvana De Mari, la dottoressa anti-gay accusata di diffamazione nei confronti del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli di Roma. Il capo di imputazione, per essere precisi, è “diffamazione continuata e aggravata”. Per lei è stato chiesto il rinvio a giudizio.

Le parole di De Mari

“Il circolo lgbt di Roma è intitolato a Mario Mieli – aveva dichiarato De Mari-, cantore di pedofili, necrofilia e coprofagia. Posso assumere che tutti gli iscritti provino simpatia per queste pratiche? O che almeno non ne provino nausea? Posso?”.
“Evidentemente no – commenta in una nota il circolo romano -. Questa la risposta della Procura di Torino alla domanda della Dott.ssa De Mari, dopo l’ennesima esternazione che ha indotto la magistratura a richiedere il rinvio a giudizio, su querela del Circolo”. A difendere l’associazione, l’avvocato Michele Potè di Rete Lenford.

“Non restiamo a guardare”

“Sono anni che la dott.ssa De Mari e i suoi sodali attaccano impunemente e ferocemente il Circolo Mario Mieli e la comunitaria LGBT+ italiana – aggiunge Sebastiano Secci, presidente dell’associazione – questa volta però abbiamo scelto di non restare a guardare, per il rispetto che dobbiamo ai nostri soci e ai nostri 35 anni di storia associativa”. “Siamo felici che finalmente queste persone verranno chiamate a rispondere delle loro parole di odio davanti a un giudice – conclude Secci – e siamo fiduciosi che la magistratura saprà dire a chiare lettere che nel nostro ordinamento non c’è posto per queste gravi e infamanti illazioni”.

La denuncia del Torino Pride

Contro la dottoressa e scrittrice di libri fantasy aveva sporto querela anche il Coordinamento Torino Pride. A dicembre scorso, il gup di Torino aveva rifiutato la richiesta di archiviazione accettando la querela e aprendo, di fatto, il processo.

Condividi

Articoli recenti

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020