Categorie: News

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l’atto di nascita dei figli di una coppia di donne indicando anche l’altra madre.
La donna è anche la donatrice degli ovuli poi fecondati e impiantati nell’utero della compagna che ha portato a termine la gravidanza.

Il no nel 2018

Come riporta RiminiToday, la coppia aveva fatto ricorso contro il diniego del Comune a novembre 2018. L’atto di nascita dei due bambini indicava una sola madre: quella che li aveva partoriti. Alla richiesta della coppia di annotare anche l’altra madre, lo Stato civile del Comune di Rimini si era rifiutato.
Adesso, invece, alla luce della decisione del Tribunale, dovrà procedere all’annotazione e i bambini avranno ufficialmente due mamme anche per lo Stato.
La sentenza del Tribunale risale allo scorso aprile, ma la sentenza è state depositata solo qualche giorno fa.

Come riconoscere due mamme

Com’è noto, attualmente in Italia non esiste una legge che riconosca due genitori dello stesso sesso. Ma non ne esiste neanche una che lo vieti. Per questo molti comuni procedono comunque alla registrazione di bimbi con due mamme, anche grazie a diverse sentenze di altrettanti tribunali pronunciate nel corso degli anni. A questo link e a quest’altro link trovate la guida di Gay Lex su come chiedere la formazione di un atto di nascita con due madri.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020