Categorie: News

RE.A.DY, continuano le adesioni al progetto anti discriminazione

Anche il Comune di Ravenna è entrato a far parte della rete RE.A.DY. Nel corso degli ultimi mesi, avevamo assistito alla fuoriuscita dal progetto di diverse amministrazioni come il Comune di Piacenza, fino ad arrivare al più recente caso della Regione Friuli-Venezia Giulia, partner fino all’insediamento della nuova giunta leghista.

Nonostante queste importanti perdite, oggi RE.A.DY festeggia l’ingresso del comune romagnolo e di tante altre realtà come -si legge in un comunicato- “i Comuni di Aiello del Friuli (UD), Arzano (NA), Cocquio Trevisago (VA), Gradisca d’Isonzo (GO), Lucera (FG), Peschici (FG), San Pietro in Casale (BO), San Severo (FG), Staranzano (GO), Stornara (FG), Stornarella (FG) e la Provincia di Modena”.

Il progetto RE.A.DY

Il progetto, nato nel 2006 a Torino, conta su una rete nazionale di regioni e enti locali impegnati nello scambio di informazioni e buone prassi per contrastare e superare le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere. Nonostante il focus sulle tematiche LGBT+, RE.A.DY ricorda come il suo impegno si estenda anche ad altri fattori di discriminazione con l’obiettivo di “ricercare le radici comuni delle discriminazioni e delle violenze per riconoscerle e contrastarle attraverso il coinvolgimento di spazi sempre più ampi della cittadinanza” E aggiunge: “Le azioni antidiscriminatorie messe in atto […] non producono effetti positivi solo per il target interessato ma si riverberano su tutta la cittadinanza”.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020