Categorie: RainbowStorie

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo volentieri un contributo da parte di F.G., un demisessuale di trent’anni che ha deciso di condividere con noi la sua storia. 

“Cosa vuol dire?” Ho perso il conto di tutte le volte che me l’han chiesto. Ciao, sono F.G. un ragazzo che arrivato a trent’anni si definisce con una certa tranquillità come gay e demisessuale, ma… “cosa vuol dire?” Ricordando che la sessualità (e l’asessualità), non è solo bianco e nero, ma un ventaglio di colori e sfumature che oserei definire interminabile, parlerò a titolo prettamente personale, poiché altri potranno avere avuto esperienze e dinamiche anche molto diverse.

Quando ho preso coscienza di essere demisessuale

Non saprei collocare cronologicamente quando, precisamente, ho preso piena coscienza di me. Non è semplice, fin da piccolo mi piacevano i maschietti, crescendo ho realizzato di essere attratto da loro, ma la demisessualità? In un periodo in cui ero libero da relazioni, mi dissi: “Dai, tentiamo questo tanto decantato sesso occasionale, PER LA SCIENZA!”, così, voglia pari a zero, installai una delle app di incontri gay e iniziai a scorrere la home con i profili, uno mi parve particolarmente carino ed iniziai una conversazione (in realtà piuttosto breve) che mi avrebbe condotto la sera stessa da lui e con il preciso scopo di avere un rapporto sessuale. Riassumendo: carino, simpatico, bel fisico ma più si parlava di ciò che sarebbe dovuto accadere di lì a poco, più la mia mente si proiettava sul rientro a casa, i miei libri, le mie passioni e le mie altre cose da fare, dunque ad un certo punto, mi sentii in dovere di scusarmi e alzare i tacchi.

Trovare la parola giusta

Seguirono altri tentativi con, più o meno, lo stesso esito (ma nulla di fatto). Sicché conclusi che piuttosto che sforzarmi di fare qualcosa che non volevo – e far perdere tempo ad altri – avrei dovuto badare bene a quel che provavo. Analizzando il mio trascorso emotivo, le mie relazioni nonché gli ultimi avvenimenti, ero da solo arrivato ad una sorta di equazione per cui il mio desiderio sessuale per una persona fosse direttamente o quasi proporzionale all’affetto (o amore) che provavo verso di essa. Qualora, cioè, la persona in questione rientrasse in certi miei canoni (per una questione di gusti, come tutti) e nella mia mente fosse “papabile” come eventuale partner. Dopo varie ricerche quel che combaciava di più con quel che sentivo, l’ho trovato nella definizione di “demisessualità”.

Cos’è la demisessualità

E qui la presa di coscienza, mista a un momentaneo smarrimento. Ma anche il piacere di mettere insieme i pezzi e dare un nome a tutta una serie di situazioni e cose. Cose che per lungo periodo avevo bollato come “stranezze di me”. La demisessualità è un po’ quella cosa che ti fa preferire passare la serata con gli amici e una birra. O sul divano a guardare un film, piuttosto che conoscere persone con lo scopo di portarle a letto. Sì, perché di impulsi sessuali generalmente ce ne son pochi e nessuno per cui si sente valga la pena di dilungarsi in estenuanti flirt per aggiudicarsi una serata o fare necessariamente colpo su qualcuno.

Le reazioni delle persone, di fronte a una persona demisessuale

Non è assolutamente una situazione spiacevole, si sta bene così, non ci si pensa. L’interesse sessuale verso qualcuno, eventualmente, subentrerà da sé in seguito allo stabilirsi di un sentimento forte. Ammetto però che non è sempre rose e fiori. Soprattutto quando le mie necessità risultano tanto differenti dalle aspettative di una buona parte della comunità (soprattutto on line). Quelle volte che ho raccolto la joie de vivre e ho deciso di iscrivermi su un social per incontri gay, specificando in bio di non cercare sesso, ma conoscenza, amicizia o se capita di creare un bel rapporto che magari porti ad una relazione stabile (con sesso), non sono mancati messaggi come: «Dici questo perchè non hai trovato ancora qualcuno che ti faccia davvero divertire» (che suona molto paternalmente come il sempreverde “pensi di essere gay solo perché non hai trovato la ragazza giusta”). O ancora: «Pensi che in zona abbiamo voglia di avere a che fare con uno che non fa sesso?» (come se “sesso” fosse l’unica opzione selezionabile nella casella “in cerca di”).

Perché dovete dirmi come vivere la mia sessualità?

Sarà che sono stupido io, non capisco però l’impellente necessità di piombare nella casella di posta di altri e dirgli come dovrebbero o non dovrebbero vivere la propria sessualità. Non è difficile: basta essere persone civili e rispettose. E per fortuna, non sono tutti come gli esempi di cui sopra. Menzione d’onore e ringraziamento speciale, infine, a tutti coloro che non iniziano una conversazione con «A o P?»: vi si vuole bene.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020