Categorie: News

Platinette difende Libero: “Non è omofobo. Prima che finocchio sono italiano”

«Io non mi sono offeso. Erano chiari l’intento provocatorio e scherzoso e la mancanza di una volontà di insultare». Con queste parole Mauro Coruzzi, meglio conosciuto come Platinette prende le difese di Libero dopo il vespaio di polemiche provocato dal titolo “Calano fatturato e Pil ma aumentano i gay” che apriva il quotidiano mercoledì 23 gennaio.

“Ormai in Italia siamo accettati”

Platinette con il titolo di Libero finito nella bufera (Fonte: Twitter)

Con una lunga intervista ripresa in prima smonta chi accusa il quotidiano di omofobia: ”

Prima che finocchio o gay, io sulla carta d’identità ho scritto italiano, mi rapporto con questo Paese e ti dico che noi omosessuali non abbiamo più bisogno di invocare quote e fare battaglie di categoria che affermino il diritto alla nostra diversità per mirare poi a essere trattati come gli altri. Ormai in Italia siamo ovunque, pienamente accettati. Non c’è intolleranza verso di noi. Guarda la tv, che è il metro popolare del mondo attuale”. Mauro Coruzzi si dice inoltre infastidito dal fatto che “La tutela dei gay sia diventata un campo esclusivo della sinistra” e aggiunge “Sfuggo il pregiudizio ideologico per cui non si può essere gay se non si è di sinistra. Se così fosse, Berlusconi dovrebbe chiudere Mediaset, dove sono quasi tutti finocchi”.

“Boicottare Libero? Una violenza”

Platinette critica anche la campagna di boicottaggio che portato due aziende (Ristora e Menarini) a ritirare la propria pubblicità dal giornale:

“È una violenza, una reazione peggiore del danno prodotto dal titolo, che rischia di rivelarsi un boomerang su chi la mette in atto. Chi vuole battersi perché i gay siano accolti, accolga anche la diversità di Libero, pure se non lo condivide. Altrimenti finite per essere voi i veri discriminati”.

“Scusatevi per calmare le acque e andate in una discoteca gay”

Infine di fronte alla minaccia di una sanzione disciplinare da parte dell’Ordine dei Giornalisti aggiunge:

“Voi dovreste fare meno titoli che scaldano il pentolone e la sinistra non dovrebbe incazzarsi per i vostri titoli” con un piccolo suggerimento “Io farei una leggera ammissione di colpevolezza, per calmare le acque e rendere più democratico il monarca. Poi mi dichiarerei disponibile a emendare, magari facendo i servizi sociali presso una discoteca gay, per compensare il danno morale”.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020