Categorie: News

Stop a sessismo e stereotipi a scuola: comune di Pisa approva mozione

Ciccio Auletta, consigliere pisano

Approvata oggi a Pisa, in Consiglio comunale, una mozione «a difesa e sostegno dei corsi di educazione alle differenze e contro gli stereopiti di genere» che si svolgono nelle scuole della città e «contro cui il Comitato Famiglia, Scuola, Educazione ha avviato una campagna indegna per la sospensione». Così riporta Ciccio Auletta, già candidato sindaco nella scorsa tornata elettorale e consigliere del comune toscano per la lista “Una Città in Comune – Prc”, sul suo profilo Facebook.

Favorire un clima accogliente a scuola

Per il Consiglio comunale, si legge ancora «una buona scuola deve innanzitutto promuovere una cultura della conoscenza reciproca e del mutuo rispetto» oltre a «favorire un clima accogliente, aperto e sicuro nel quale la convivenza con le differenze possa essere vissuta come valore e contribuire al benessere psicofisico delle singole persone e alla coesione partecipativa della collettività». È questa dunque la filosofia che anima il provvedimento adottato dall’amministrazione cittadina.

I “no gender”? Attaccano la scuola pubblica

Iniziativa a Pisa contro l’omofobia

Attacca, inoltre, il consigliere quelle realtà che si oppongono ai percorsi di educazione alle differenze. Per Auletta infatti essi costituiscono «il primo antidoto contro ogni discriminazione» e favoriscono «il riconoscimento, la riflessione e il superamento di pregiudizi e stereotipi». Per tale ragione, le «iniziative come quelle avvenute a Pisa e che si stanno svolgendo in tutta Italia promosse da parte di Comitati e associazioni contro “la presunta teoria gender”» vanno considerati niente di più che «un attacco alla scuola pubblica, alla sua autonomia e all’autorevolezza degli insegnanti».

Azioni concrete contro stereotipi e pregiudizi

La mozione, oltre a rappresentare un passo importante da parte di un’istituzione in direzione del benessere della popolazione scolastica in aperta opposizione a quei movimenti omofobi che hanno, invece, l’appoggio e la complicità di altre amministrazioni, prevede una serie di iniziative concrete per favorire la lotta a stereotipi, sessismo e omo-transfobia come la realizzazione di percorsi comuni con altre città e corsi di formazione e aggiornamento rivolti a docenti, famiglie e personale educativo.

Condividi

Articoli recenti

Toilette “gender free”: all’Università di Torino è scontro con i collettivi di destra

L'iniziativa mandata avanti da un collettivo indipendente. Ma la destra nostalgica non ci sta...

6 dicembre 2019

Seattle, 10.000 lucine di Natale arcobaleno contro i vicini bigotti

L'iniziativa di una donna gay-friendly, contro i vicini omofobi. Succede a Seattle, negli USA.

6 dicembre 2019

Boston, giovane uomo aggredito con pala e taglierina perché gay

Un'aggressione immotivata, per le strade di Boston.

6 dicembre 2019

Gran Bretagna, nasce primo bambino da “gravidanza condivisa”

Dalla Gran Bretagna una nuova tecnica, che permette di "condividere" la maternità.

5 dicembre 2019

Vuole comprare un gatto: «Non vendiamo a transessuali». La denuncia

«Evidentemente quando il venditore ha visto la mia foto profilo su WhatsApp, si è indignato, è rimasto sconvolto».

5 dicembre 2019

Lipsia, l’allenatore Nagelsmann a favore del coming out

Un'importante apertura dal mondo del calcio, tradizionalmente ostile al mondo Lgbt+.

5 dicembre 2019