Categorie: Rainbow

Ho scelto di vivere e vedere crescere i miei figli

Ho sempre pensato che la scrittura avesse il potere misterioso di portarmi in un’altra dimensione. E così tutte le volte che scrivo o leggo è come se la mia vita restasse sospesa e io mi perdessi fra le parole.
Da tre anni a questa parte ho iniziato a vivere in modo pieno. Arrivo stanco e felice alla fine di ogni mia giornata, nonostante non abbia fatto niente che possa apparire a prima vista eccezionale. Allo stesso tempo, da 3 anni a questa parte praticamente leggo pochissimo e faccio fatica a trovare il tempo di scrivere, nonostante in testa avrei tante storie ed emozioni da raccontare.
Ho fame di vita, e nostalgia della scrittura.
Ma fra vivere e scrivere al momento ho scelto di vivere. E questo anche a scapito di questo blog. Mi dispiace un po’, ma non potrebbe essere altrimenti.

I bimbi crescono, dolci e forti

Luca cresce in fretta e diventa giorno dopo giorno un bambino dolce e forte, con un carattere molto indipendente senza però rinunciare ad essere molto affettuoso e coccolone. Mi sembra incredibile che abbia già finito il nido e che a settembre inizierà la scuola dell’infanzia. E quando mi abbraccia e in cerca di affermazione mi dice: “io sono grande, vero?“, vorrei dirgli di no. Vorrei dirgli che lui è e resterà per sempre il mio piccolo bambino. Ma poi so quanto è importante per lui crescere e piano piano staccarsi da noi.

Credo che al momento Alice non avrebbe potuto desiderare un fratello maggiore migliore di lui. E lo stesso vale per lui. Anche Alice ha un bellissimo carattere, dolce e molto molto forte. Chissà quanto ci farà penare a noi maschietti di casa in futuro, già la chiamiamo la piccola imperatrice! E’ sempre sorridente, ed è letteralmente innamorata di suo fratello.

Fame di vita o paura?

Forse questa mia fame di vita è semplicemente paura che tutto questo sia un sogno bellissimo e che potrei svegliarmi da un giorno all’altro.
Certe ferite sono difficili a rimarginarsi, nonostante tutto. La paura di non riuscire mai a raggiungere questa felicità – che ho portato con me per troppi anni – non si cancella con un colpo di spugna. Piccoli brandelli rimangono ancorati fra le pieghe del cuore.

Buona estate amiche e amici. Perdonate la mia assenza, io torno a vivere un sogno e lo stesso auguro anche a voi. A presto!

Condividi

Articoli recenti

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020

Regno Unito: trasmissioni di HIV calate del 73 per cento tra gli uomini gay e bisessuali

Secondo quanto riferisce la BBC, nel Regno Unito il numero di diagnosi di HIV è drasticamente calato dal 2014 ad…

16 gennaio 2020