Categorie: News

Roma, manifesti di Forza Nuova nello studio di una fotografa: “Non posso più avvicinarmi”

“L’Italia ha bisogno di figli, non di unioni gay e immigrati”. Recitano così i manifesti di Forza Nuova che ieri la fotografa romana Barbara Gravelli ha trovato affissi sulle saracinesche del suo studio, su via della Magliana. Manifesti anche datati, dato che risalgono all’epoca del dibattito sulle unioni civili.

La denuncia su Facebook

A denunciare l’episodio è stata la stessa Gravelli sulla sua bacheca Facebook dove ha pubblicato le foto dei manifesti ed ha aggiunto: “Ecco quello che hanno fatto quelli di Forza Nuova sulla serranda del mio studio. Fanno tanto i populisti e poi si comportano come i peggiori trogloditi. Se tra i miei contatti ci fosse qualcuno di FN lo invito ad eliminarsi se non lo farà sarà eliminato direttamente da me!!!! #fn #forzanuova #trogloditi #pericolosi”.
Un gesto intimidatorio, quello subito da Gravelli, che arriva poche settimane dopo da quello subito da una scuola di danza a Centocelle, sempre a Roma. In quel caso, ignoti si introdussero nei locali della scuola imbrattando i muri con scritte e disegni omofobi.

“Loro imbrattano e io non posso pulire”

Raggiunta al telefono da Gaypost.it, Barbara ha raccontato che ieri, per ben tre volte, i manifesti sono stati attaccati alla sua saracinesca e rimossi da un suo amico che vive in zona e si era accorto della cosa. “Ieri – racconta la fotografa – hanno inaugurato questa sede proprio accanto al mio laboratorio. Mentre non c’ero per tre volte hanno imbrattato la mia serranda. Il mio amico mi ha avvista, ma io ero al lavoro e non potevo andare. Quando sono arrivata c’era la polizia che mi ha consigliato di non avvicinarmi al mio laboratorio per evitare di correre pericoli”. Non solo, dunque, i manifesti rimangono sulla serranda, ma Barbara non può accedere al suo negozio. “È incredibile: loro imbrattano e io non posso neanche pulire” dice ancora sconvolta e arrabbiata per la situazione.

“Non accettabile in uno stato civile”

Ieri in serata, i militanti di Forza Nuova hanno anche tentato una piccola manifestazione non autorizzata per le strade del quartiere, ma sono stati fermati dalla polizia.
Alla fotografa è arrivata la solidarietà del Gay Center. Il portavoce dell’associazione, Fabrizio Marrazzo, con una nota chiede “al Comune di Roma la rimozione dei manifesti abusivi e l’intervento delle forze dell’ordine a tutela di Barbara e della sua scuola. Non sono accettabili in uno stato civile gruppi o partiti che fanno della intimidazione la loro propaganda, a scapito della vita e dei diritti delle persone lesbiche, gay, trans e migranti”. “Se qualcosa deve chiudere – conclude Marrazzo – allora è proprio la sede di Forza Nuova”.

“Non so se continuerò”

Intanto la fotografa si dice preoccupata. “Sono personalmente molto scossa, mi sto recando dalle forze dell´ordine per denunciare l’accaduto – ha spiegato – la fotografia è per me un hobby, per questo ho deciso di aprire una scuola, per dedicarmici nel mio tempo libero, fornendo al quartiere in cui sono nata una opportunità ai tanti giovani ed anche un luogo di incontro culturale. Dopo questo episodio, io e le persone che mi aiutano siamo molto scosse e non sappiamo se andremo avanti”.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020