Categorie: News

L’omofobia cresce dove le coppie dello stesso sesso non sono riconosciute

Nei paesi in cui le coppie dello stesso sesso non sono riconosciute, il livello di omofobia è cresciuto. In quelli, in cui, esiste il matrimonio egualitario o una qualche forma di legalizzazione delle relazioni same sex, si registra un calo del sentimento omofogbo.
Lo rivela uno studio rilasciato oggi e realizzato da European Social Survey.
Secondo i ricercatori ungheresi che hanno analizzato i dati dello studio, la maggior parte dei paesi europei hanno visto crescere i livelli di apertura nei confronti delle relazioni tra persone dello stesso sesso tra il 2002 e il 2016.

Tuttavia, paesi come la Russia, la Bulgaria, la Lituania, la Polonia e l’Ucraina hanno seguito il trend esattamente opposto. In questi paesi, infatti, l’omofobia è cresciuta nell’arco degli stessi 14 anni.

“Penso che sia molto importante che possiamo dimenticare il pregiudizio – ha dichiarato all’agenzia Reuters Judit Takacs, ricercatrice dell’Accademia Ungherese delle Scienze e coautrice dello studio -. E’ un messaggio molto importante il fatto che si possa imparare ad essere… di mente aperta e che si possa imparare ad essere intolleranti”.
Lo studio chiedeva agli intervistati se “i gay e le lesbiche dovrebbero essere liberi di vivere le proprie vite come vogliono”. Gli intervistati dovevano rispondere usando un valore da 1 a 5.
La Russia ha ottenuto il punteggio più basso in assolto con una media di 2. I punteggi più alti, invece, sono andati a Belgio, Spagna, Norvegia, Francia, Svezia, Olanda e Islanda.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020