Categorie: News

L’Olanda ha rilasciato il primo passaporto con indicazione di genere neutro

L’Olanda ha rilasciato il suo primo passaporto con indicazione di genere neutro. Venerdì scorso, secondo quanto riporta la BBC, una persona intersex di 57 anni, Leonne Zeegers di Breda ha ottenuto che sul suo passaporto ci fosse la X alla voce “sesso” invece che “M” o “F” (“V” in olandese). Zeegers, infatti, non si identifica né come maschio né come femmina.
Per ottenere questo diritto, Zeergers ha fatto causa allo Stato ed ha vinto. “È una vittoria personale di Leonne – hanno commentato in una nota le associazioni NNID, TNN e COC -. È una nuova sveglia per il governo: fate in modo che ognuno possa cancellare il proprio genere dal passaporto e dai documenti ufficiali”.

“Una violazione dell’autodeterminazione”

Nella sentenza i giudici hanno scritto che impedire la registrazione con genere neutro avrebbe significato “violare la vita privata, l’autodeterminazione e l’autonomia personale” di Leonne.
Per permettere alle persone di registrarsi con un genere neutro, però, è necessaria una modifica all’attuale legislazione. Al momento, dunque, tutto è nelle mani dei giudici chiamati ad esprimersi su singoli casi.

Il genere neutro sui documenti

La questione non riguarda solo le persone intersessuali (coloro, cioè, che nascono con cromosomi sessuali, genitali e/o caratteri sessuali secondari non definibili come esclusivamente maschili o femminili), ma anche a coloro che, pur avendo caratteri sessuali netti, si definiscono ad esempio non binari o gender fluid. Il tema del genere neutro sui documenti è già stato affrontato in diversi paesi. Al momento, è possibile ottenerli in Argentina, Australia, Canada, Danimarca, India, Malta, Nepal, Nuova Zelanda e Pakistan. Altri, come l’Inghilterra, ne stanno discutendo.

Condividi

Articoli recenti

Marche, la Lega accusa il progetto della Regione di proporre il “gender” a scuola

Il progetto si chiamerà "W l'amore", ma la Lega e l'Udc annunciano battaglia. L'assessora regionale si dissocia.

14 ottobre 2019

“Super trans”, ma è una drag queen: dopo le polemiche, Arcigay si scusa per la campagna

Per la giornata mondiale del coming out Arcigay pubblica una campagna, ma fioccano le polemiche. Oggi arrivano le scuse.

14 ottobre 2019

Alessia e Davide, storica sentenza: il matrimonio di due persone trans è stato trascritto

Alessia e Davide si erano sposati prima della transizione di entrambi, nel 2016. Ora il tribunale di Grosseto ha ordinato…

14 ottobre 2019

L’Uganda vuole introdurre la pena di morte per gli omosessuali

Il presidente ugandese si dice fiducioso che la legge passerà, appena presentata in parlamento.

11 ottobre 2019

Studente picchiato: aggressione omofoba a Firenze

Il Corriere Fiorentino, nella sua edizione cartacea odierna, ha denunciato un'aggressione omofoba avvenuta a Firenze. LA RICOSTRUZIONE Secondo quanto riportato…

11 ottobre 2019

Coming out day, l’appello di Cirinnà: “Ora una legge contro le discriminazioni”

In occasione dalla giornata del Coming Out Monica Cirinnà, senatrice dem, lancia un appello: subito una legge contro le discriminazioni.…

11 ottobre 2019