Categorie: News

Monza, il Tribunale smentisce il Ministero: ai gemelli con due mamme non si può cambiare il cognome

Una vicenda surreale che si è conclusa nel migliore dei modi, quella che ha visto protagoniste una coppia di mamme originarie della Brianza e i loro gemellini.
Il Tribunale di Monza ha infatti imposto al comune di cui le due donne, che vivono in Spagna, di trascrivere per intero il certificato di nascita dei loro figli includendole entrambe come mamme e indicando il cognome scelto dalla coppia per i piccoli.
La decisione del Tribunale smentisce quanto indicato dal Ministero dell’Interno a febbraio del 2018. Secondo il Viminale, infatti, il Comune avrebbe dovuto indicare il cognome della donna che ha partorito i bambini e non, come indicato nel certificato di nascita spagnolo, quello dell’altra mamma.
Ma andiamo con ordine.

La vicenda

Le due donne, cittadine italiane, vivono da tempo in Spagna dove sono unite civilmente da prima che Madrid approvasse il matrimonio egualitario. Sempre in Spagna, hanno avuto due gemelli grazie alla fecondazione eterologa. Quando i piccoli sono nati, secondo la legge spagnola, le due mamme hanno scelto di dare loro il cognome della mamma che non li ha partoriti.
Con il certificato in mano, le due donne hanno chiesto al comune brianzolo di cui sono originarie chiedendo la trascrizione, l’unico modo per dare una cittadinanza ai bambini dato che in Spagna non si acquisisce la cittadinanza per nascita.
Dopo lunghi mesi di silenzio in cui i bimbi sono rimasti apolidi e impossibilitati ad avere un documento, grazie all’intervento dell’avvocato, finalmente il comune decide di trascrivere il certificato.

L’imposizione del Ministero

I bimbi, quindi, risultano iscritti all’anagrafe, ma con una sola mamma e con il cognome della mamma che li ha partoriti. Nel certificato spagnolo, invece, era indicato il cognome dell’altra mamma. A suggerire questa soluzione ai funzionari dell’amministrazione era stato niente meno che il Ministero dell’Interno, sollecitato dagli uffici.
La coppia, assistita dall’avvocato Michele Giarratano di Gay Lex, ha quindi fatto ricorso in tribunale e il giudice ha dato loro ragione su tutti i fronti.
I bimbi risultano adesso figli di entrambe le mamme e portano il cognome che la coppia ha scelto per loro. Proprio come risultava nel certificato spagnolo.

Il diritto all’identità

“Sono soddisfatto del risultato – afferma l’avvocato Giarratano – perché è un altro importante tassello nell’affermazione delle famiglie omogenitoriali e nella tutela del diritto all’identità personale e alla vita familiare dei minori”.
La tesi del legale e delle due donne, infatti, era che imporre un cognome diverso da quello scelto dalle mamme fosse una violazione del diritto all’identità e alla vita familiare così come stabiliti a livello europeo. “Ringrazio infine il Prof. Angelo Schillaci del Gruppo Legale di Famiglie Arcobaleno – conclude – per il supporto scientifico che mi ha dato in questo procedimento”.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020