Categorie: News

Milano: un cartello al liceo “da Vinci” dipinge i gay come untori: i genitori chiamano il Mieli

“Gay: c’è poco da essere pride – Come infettare il mondo con un mare di malattie legate ai comportamenti omosessuali”. Si intitola così un cartello comparso oggi al Liceo Leonardo da Vinci di Milano. Non ci sono firme, ma un elenco di problemi legati, secondo chi l’ha scritto, all’essere omosessuali.
A denunciare l’accaduto sono i genitori di alcuni allievi della scuola e dei docenti che hanno contattato il Circolo di Cultura omosessuale Mario Mieli di Roma per raccontare l’accaduto, esprimere tutta la loro indignazione e chiedere sostegno.

L’assemblea di dicembre

Non è un fatto successo per caso. Alla fine di gennaio, infatti, la stessa scuola era stata investita da una polemica sollevata da undici insegnanti. I ragazzi avevano organizzato un’assemblea per parlare di omosessualità, transessualità e malattie sessualmente trasmesse. Per farlo, avevano invitato alcune persone gay e trans che raccontassero le loro esperienze personali, a partire dal coming out. Tutto organizzato secondo le regole, con tanto di placet della preside e del Consiglio d’Istituto.

La lettera degli insegnanti

La cosa non era piaciuta ad alcuni insegnanti che avevano mandato una simbolica lettera ai genitori per avvisarli che “la mattinata sia stata pensata in modo granitico, senza contraddittorio, senza la presenza di qualche voce autorevole che problematizzi le narrazioni di esperienze personali, ci pare operazione pericolosa e semplificativa”.

“Una preoccupante aria di discriminazione”

“In Italia ricomincia a soffiare una preoccupante aria di discriminazione” si legge in una nota del Mieli che spiega come nel cartello si faccia “un’inesistente correlazione tra orientamento sessuale e l’incidenza di infezioni sessualmente trasmissibili”. “Nel testo vengono riproposti i classici stereotipi e le mezze verità strumentali che negli anni hanno fatto da base per giustificare la discriminazione nei confronti delle persone LGBT+” spiega ancora l’associazione che sottolinea anche come “questo clima è stato purtroppo colposamente alimentato anche da alcuni docenti dell’istituto che nei giorni scorsi hanno inviato una mail ai genitori dei ragazzi per attaccare l’iniziativa”.

“Preoccupanti spinte fasciste”

“Non possiamo non notare – commenta il presidente del Circolo Sebastiano Secci – come questo orribile episodio si inserisca in un clima politico che sta pericolosamente virando verso odiose posizioni di divisione, intolleranza e chiusura, con l’emersione di spinte fasciste e reazionarie che preoccupano tutte e tutti noi. Dipingere la comunità LGBT+ come un gruppo di “untori” vuole proprio aumentare la diffidenza e il discredito nei nostri confronti agli occhi della collettività”.
Un’equazione pericolosa, anche nei confronti degli allievi e delle allieve lgbt che frequentano il Da Vinci.

“Accelerare su educazione sessuale ed affettiva”

“Il nostro movimento lavora da decenni per diffondere una cultura della sessualità libera e responsabile – continua Secci -, lavorando con dedizione per informare tutti i cittadini sulle infezioni sessualmente trasmissibili che, spiace doverlo ricordare nel 2018, a differenza degli omofobi, non discriminano in base all’orientamento sessuale”. Per Secci, proprio tra i ragazzi, è necessario fare di più e meglio “premendo l’acceleratore sull’educazione sessuale e affettiva nelle scuole di ogni ordine e grado, strumento decisivo per formare adeguatamente i giovani a vivere con libertà e responsabilità la propria vita sessuale e per seppellire definitivamente i ruderi di una cultura della vergogna e della repressione sessuale malsana e anacronistica”.

Condividi

Articoli recenti

Toilette “gender free”: all’Università di Torino è scontro con i collettivi di destra

L'iniziativa mandata avanti da un collettivo indipendente. Ma la destra nostalgica non ci sta...

6 dicembre 2019

Seattle, 10.000 lucine di Natale arcobaleno contro i vicini bigotti

L'iniziativa di una donna gay-friendly, contro i vicini omofobi. Succede a Seattle, negli USA.

6 dicembre 2019

Boston, giovane uomo aggredito con pala e taglierina perché gay

Un'aggressione immotivata, per le strade di Boston.

6 dicembre 2019

Gran Bretagna, nasce primo bambino da “gravidanza condivisa”

Dalla Gran Bretagna una nuova tecnica, che permette di "condividere" la maternità.

5 dicembre 2019

Vuole comprare un gatto: «Non vendiamo a transessuali». La denuncia

«Evidentemente quando il venditore ha visto la mia foto profilo su WhatsApp, si è indignato, è rimasto sconvolto».

5 dicembre 2019

Lipsia, l’allenatore Nagelsmann a favore del coming out

Un'importante apertura dal mondo del calcio, tradizionalmente ostile al mondo Lgbt+.

5 dicembre 2019